lunedì 27 maggio 2019
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2019/2020
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 

    GLI ARTICOLI DI ERIDANOSCHOOL
- Astrologia e dintorni

SATURNO IN SCORPIONE
     a cura di Fassio Lidia
 
SATURNO IN SCORPIONE
Il 6 di ottobre Saturno è entrato in Scorpione lasciando definitivamente il segno della Bilancia nel quale ha soggiornato negli ultimi anni, non senza grandi ripercussioni sulla vita collettiva ed individuale.
Il soggiorno in Bilancia è stato caratterizzato da aspetti celesti molto complessi quali l’opposizione di Urano che si è ripetuta due volte e la quadratura di Plutone dal Capricorno che hanno bloccato ed inibito alcune espressioni tipiche di questo pianeta che, di conseguenza, ha potuto esprimere i suoi simboli non certo in maniera pulita e chiara.
Il Grande Vecchio si è trovato in posizione di stallo; la sua capacità di restaurazione non ha potuto esprimersi in quanto, si è sentito imprigionato dal bisogno di innovazione e di cambiamento di Urano e dalla lentissima trasformazione di Plutone che potrà avvenire solo dopo che avrà liberato da tutto ciò che sta emergendo e che, di certo, non può che essere ripulito. Plutone sta portando in superficie ciò che di corrotto e di inquinato regna in molti settori della vita individuale e pubblica. Plutone transita tra l’altro nel segno naturale di Saturno per cui, proprio alcuni simboli, qualità autorità, potere, strutture pubbliche e sociali, vengono giustamente messe a ferro e fuoco data la modalità con cui le persone addette all’amministrazione, si sono espresse.
Infilandosi in questo vortice energetico di pianeti molto più lenti, non ha potuto che lavorare a fianco dei principi trasformatori collaborando più al discorso di “potatura e finitura” di ciò che, inevitabilmente, è destinato alla nemesi.
Quindi, più che strutturare e restaurare, sta mettendo in luce le “resistenze al cambiamento” soprattutto di coloro che detengono potere ed autorità e, di certo, questo stato di cose non potrà trascinarsi a lungo in quanto, nelle corde stesse di Saturno, sta il bisogno di concludere ciò che non ha energie e risorse per sostenere il lento scorrere del tempo e ciò che, essendo minato alla base, non porterebbe da nessuna parte. Certo, la fase è complessa, piena di veleni e di distruttività che sono state vissute in questi due anni come mancanza di speranza nel futuro.
Le crisi del lavoro, dell’economia e del vivere in generale sono sentite in tutto il mondo occidentale che sembra quasi aver esaurito la verve creativa e rigenerativa.
Ogni archetipo deve essere valutato nella cornice scenografica in cui opera giacchè quest’ultima può esaltare o inibire le simbologie tipiche di un pianeta che, di conseguenza, devono trovare un adattamento per potersi comunque esprimere, anche se non sempre con la dovuta tempestività e chiarezza.
La capacità di dare struttura di Saturno non può essere messa in campo laddove i processi di destrutturazione, catarsi e rinnovamento di Plutone e di Urano, non abbiamo ancora terminato la loro funzione. Lo stesso dicasi per la simbologia di giustizia che è anch’essa nell’occhio del ciclone e sta mostrando il suo volto meno nobile rendendo tutti insicuri di poter avere “giustizia” laddove vi siano ragioni: in pratica, in questo periodo, l’apparato sembrerebbe essere forte con i deboli e debole con i forti, mostrando fin troppo spesso indifferenza verso i singoli e grandi invischia menti con il potere e con la politica che incidono pesantemente sulla fiducia instillando dubbi e sospetti sulle istituzioni il che non aiuta a operare bene e neppure a credere che, da qualche parte, ci siano organi che operano correttamente e in modo equilibrato.
Forse, nel tentativo di portare le persone a riflettere su alcuni temi evidenti, che non possono più passare inosservati, Saturno sembra mostrare più il lato tirannico ed arrogante (quello di Crono per intenderci) piuttosto che quello di “giudice imparziale e distaccato” per cui, nella sua sosta in Bilancia, sono stati disattesi anche i simboli più naturali del segno, ovvero equilibrio, imparzialità, capacità di distacco e di essere al di sopra delle parti e, soprattutto, quello di rispetto degli altri esseri umani, in particolare di chi ha subito un danno.
Il trigono con Nettuno, che si è già formato tra la Bilancia e l’Acquario nel 2012, si ripresenta adesso tra Scorpione e Pesci anche se ancora stenta a manifestare in modo chiaro le simbologie di entrambi; si ha l’impressione che i due simboli stiano lavorando in modo oscuro, mostrando la loro ombra; in certi momenti e, di fronte a certe situazioni, sembra quasi che si sia “strutturata e consolidata la follia e l’arroganza istituzionale” che annulla anche il più elementare senso di speranza: sono tante le persone che pensano che chi rappresenta le istituzioni abbia perso il “senno” e che, mostri sintomi di delirio di onnipotenza. Sfortunatamente per noi, non possiamo ricorrere ad Astolfo per recuperare la preziosa sostanza per cui, possiamo solamente sperare che qualcosa inizi a funzionare diversamente e che Saturno – razionalità e logica – torni a far valere questi ingredienti nella vita quotidiana e reale e nelle istituzioni.
Lo stesso dicasi per altri due simboli interessanti: morale ed etica sia individuale che collettiva che, di certo, hanno raggiunto il minimo storico negli ultimi anni. Certo, non è facile vedere all’opera queste potenzialità in una società che trascura i valori più elementari ma diventa ancora più arduo quando proprio chi è preposto a fare da guida finisce per essere il peggior esempio possibile, portando avanti, senza un briciolo di responsabilità modelli del tutto ignobili senza un minimo di ripensamento o di vergogna. Quando il capo non funziona, è difficile che il resto funzioni.. e, se i capi non si assumono le loro responsabilità, tutto finisce alla malora.
Saturno in Bilancia sta contribuendo a demolire tutto ciò che non ha sostanza e struttura per cui, si è messo nella scia dei transiti più lenti e si è adattato a mostrare una faccia un po’ inedita anche se, forse, salutare.
In un clima di totale decadenza il grande vecchio ha forse preferito mandare al macero tutto ciò che non può e non ha diritto a perdurare. Unitamente a Plutone che sta lavorando per “far luce” su ciò che prima era nascosto ma che inquina le strutture sociali, politiche, finanziarie e giuridiche, Saturno sta facendo crollare anche i muri di complicità e di omertà e, forse, c’è da sperare che si possa finalmente “ripulire” il terreno affinchè Urano possa agire per il cambiamento e il rinnovamento. La nuova fase, senza quest’opera demolitoria e necessaria anche se drammatica e sanguinosa, non potrebbe partire con i crismi necessari e non porterebbe a frutti migliori di quelli che abbiamo visto in questo ultimo periodo.
Plutone probabilmente non ha ancora finito la sua funzione di demolizione e quindi, non si può ancora procedere alla trasformazione della società giacchè, ciò che vediamo nelle strutture, riflette ed esaspera i grandi mali dell’intera società e della coscienza collettiva che si sono lasciate prendere la mano dal gioco dell’immagine, dall’approfittamento ad ogni costo e dalla totale deresponsabilizzazione permettendo a chi ha avuto delega di governare di fare il bello e il cattivo tempo senza che mai sia stato chiesto il conto del loro operato e dello spreco delle risorse comuni.
In un clima di amarezza, di profonda delusione e disincanto Saturno si ferma per farci fare il bilancio di ciò che si è messo in piedi e ha funzionato per tanto tempo. Sembra un gioco di parole ma è proprio questo che ha fatto Saturno in Bilancia; ci ha messi di fronte ad un bilancio fallimentare senza mezzi termini e senza mezze misure, obbligando chiunque abbia una coscienza a chiedersi in che modo ha contribuito a questo sfacelo.
Saturno è autorità, responsabilità, senso del limite, giustizia e padronanza di ciò che si fa e si è: tutte cose che sono in crisi giacchè nessuno è autorità per sé stesso, regna un senso scarsissimo di responsabilità personale ed è pressoché assente il senso del limite senza il quale si vanno a toccare i diritti altrui. Tutto ciò appartiene sicuramente a chi sta nelle stanze dei bottoni ma appartiene altrettanto inequivocabilmente ad ognuno di noi giacchè questi transiti sono collettivi e non solo individuali e mettono in luce le “crepe” di una intera società: come a dire che se è vero che il pesce puzza dalla testa è pur vero che anche il corpo non è sano.
Ora Saturno è entrato in Scorpione e ci rimarrà per più di due anni cambiando però radicalmente gli equilibri con gli altri pianeti poiché si troverà fuori dalle tematiche di Urano ma in stretta collaborazione con Nettuno e Plutone e, il prossimo anno, con Giove che entrerà in Cancro.
Questi archetipi dovranno trovare un’alchimia particolare giacchè rappresentano e richiedono integrazione tra parti molto diverse della società e degli individui tuttavia, formeranno aspetti armonici che dovrebbero favorire una miglior concertazione e una modalità più sana di procedere.
Saturno in Scorpione non sarà ovviamente leggero dal punto di vista economico giacchè, si opporrà per tutto il soggiorno, al segno del Toro che simboleggia le risorse, i valori e le modalità di dare struttura alle sicurezze; da un lato ci farà un preciso invito a “razionalizzare” tutto ciò ma, senza dubbio, magari ci riserverà ristrettezze che ci faranno riflettere sugli sperperi del passato e sulle scorrettezze che hanno creato danni immensi al bene comune. Chiederà di limitare ciò che è superfluo e di rivolgersi a ciò che è assolutamente necessario, evitando di dilapidare ciò che ancora c’è di valido.
Dato l’aspetto di sestile con i segni del Capricorno e della Vergine c’è da augurarsi che si possa procedere a ristrutturazioni nel mondo del lavoro, della sanità e delle amministrazioni pubbliche nonché dell’apparato statale il che significa che dovranno esserci grandi revisioni e tagli per riportare i bilanci in graduale parità razionalizzando le risorse ed utilizzandole in modo sano.
Senza dubbio ci parla di austerità, di chiusura con gli sprechi e con i deliri visti negli ultimi anni; lavorerà però anche su un altro simbolo del Toro: valori ed immagine o meglio sui danni che procura il nutrire l’immagine quando c’è assenza di valori autentici. Il Toro simboleggia la “faccia” e, mai come in questo periodo, molte persone hanno “perso letteralmente la faccia” con assoluta noncuranza e nessun tipo di vergogna, cosa che, in passato, sarebbe stato impossibile anche solo immaginare. Anche questo è un segno dei tempi: oggi chi ha rubato, chi ha gestito male e chi si è approfittato di tutto e di tutti, finisce per essere considerato una star e va in televisione ostentando un’inesistente verginità e, quel che è peggio, è che nessuno si scandalizza.
Un grande aiuto nella trasformazione dei valori può arrivare da Nettuno e da Plutone che, facendo aspetti con Saturno, potrebbero portare qualche ventata di aria nuova e, se non altro per pura necessità, richiamare tutti ad un maggior buon senso.
Il trigono con Nettuno dovrebbe far riemergere alcuni ideali perduti, consolidare un maggior senso di solidarietà, ritrovando quella spiritualità che manca da tempo in assenza della quale si è creato un grande senso di vuoto compensato da dipendenze ed illusioni a vario titolo. Senza dubbio sarà richiesta una maggior presa di realtà e di etica che consentirà di comprendere ciò che c’è di prezioso che va risanato, lasciando andare, ciò che è illusorio e, ancor peggio, dannoso.
Saturno taglia e lo Scorpione chiede di “lasciar andare” e quindi bisognerà individuare obiettivi che possano rimettere in campo motivazioni che ridiano energia, voglia di fare e di contribuire a ciò che è di tutti e, infine, ad una nuova società, ispirata da valori autentici in linea con i tempi e con le esigenze attuali.
Il sestile con Plutone potrebbe far pensare ad una rigenerazione che, come vuole Saturno, non potrà essere rapida giacchè bisognerà procedere ricostruendo, mattone per mattone, ciò che è stato distrutto.
Ovviamente lo Scorpione è il regno della Finanza, del Fisco e delle speculazioni più o meno occulte di capitali il che significa che bisognerà rimettere ordine nella finanza privata e nel mondo della Finanza che, fino ad oggi, sono stati oggetto di movimenti poco chiari che hanno fatto fibrillare le borse e le economie.
Può però anche indicare una riorganizzazione dei poteri forti e toccherà a noi capire come si stanno muovendo e quali motivazioni ci sono dietro alle azioni, evitando così di diventare pedine in mano a chi tira i fili.
Plutone e Saturno ricordano che ognuno di noi deve riprendere in mano il potere personale e l’autorevolezza che servono ad operare un controllo prima di tutto su stessi e sulla politica obbligando chi governa a rendere conto agli elettori dell’operato.
Senza dubbio la nuova moralizzazione deve tener conto dei valori di Nettuno e dei Pesci che ricordan che una società migliore deve farsi carico di chi è più debole e di coloro che, in qualche modo, non possono entrare nel gioco produttivo per vari motivi.
Insomma, potrebbe iniziare una strada che dovrebbe condurre ad un mondo più giusto, in cui le risorse possano essere distribuite con maggior giustizia e in cui, chi contribuisce a produrre ricchezza, non si debba sentire del tutto estraneo a quello che decide come utilizzarla.
I Pesci sono un segno “risanatore” e, se utilizzeremo al meglio questi tre archetipi, possiamo realmente mettere delle basi nuove che ci conducano ad un mondo in cui tutti possano trovare accoglienza e in cui pian piano si possa ritrovare la speranza ed un buon senso del vivere comune.
Sul piano individuale andrà ritrovato il senso di partecipazione a ciò che è comune, la responsabilità che serve per fare la propria parte senza disinteressarsi, disimpegnarsi e senza delegare altri a fare ciò che, invece, dobbiamo fare noi in prima persona; infine, dovremmo ritrovare tutti un maggior senso di equilibrio riconoscendo che laddove c’è un problema collettivo, non si può solamente puntare il dito ma bisogna comprendere in che modo si è contribuito alla sua creazione.
Se semineremo bene potremo, pur con lentezza, raccogliere frutti molto buoni; Saturno, nel tentativo di riflettere su alcuni temi evidenti, che non possono certo passare inosservati, sembra mostrare più il lato tirannico ed arrogante che quello di “amministratore”
in alternativa, il prezzo potrebbe essere molto più alto di quanto pensiamo.







 

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010