domenica 23 giugno 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 


    LE NEWS DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni

SEZIONE BUONE NOTIZIE

10/12/2006

La canzone del Burattino
 
La Canzone del Burattino

“Silenzioso, guarda il tamasico gioco di questa marionetta. E ascolta, o anima, il racconto puro, del suo vissuto, passato e futuro.

Guazzava un tempo nel liquido mucoso della matrice, dura prigione buia; venne con un vagito e a festeggiarne il giorno tutti gli sorridevano all’intorno. S’accorse. “Eccomi rinato ! Che tragedia !” Che pianto irrefrenabile ! Di contra tutti quanti accarezzavano quel viso triste che gaio volevano.

Nel suo sudiciume lieto sguazzava senza provare impaccio né vergogna, cadeva e si rialzava nel cammino, durante il lungo gioco di bambino.

Ora corre e salta con i compagni, impara nuovi giochi e mille scherzi, in fretta cresce e senza alcun ritardo, diventa ognor più grande e più gagliardo.

La sua compagna trova: pigola e corteggia nella luce di un arcobaleno rosa, canta come non ha mai cantato, vuota la coppa che non ha mai bevuto. Questo Brahma Creatore che crea pupazzi a coppie, è instancabile e ne sforza a milioni ! Ignora il bambolotto, lì per lì, mentre gioca con le bambole. Maya, la bambola, ama il santo toro legato dalla fune di Tamas alle nari. Ira e Desio sono i flagelli osceni e dello schiavo dilaniano le reni.

Gli occhi gli brillano di gioia se gli altri si fermano a guardare; è un amen d’orrore: fa anche pena, ma col dolore non s’allena.

Grida, impreca, molto si agita; scuote le braccia, rossi gli occhi di rabbia; orribile a vedersi, il burattino, quando l’ira lo prende da vicino !

Scruta, scompone, scribacchia e sgobba, senza sapere perché; corre in preda al panico e s’affanna in cerca del cibo che lo inganna !

Ahimé, lo noti questo strano fantoccio, dallo scarso saper mal digerito che s’agita invidioso e inviperito se altri incontra più di sé istruito ?

Come si diverte e come ride, se uno sconcio impulso sensuale appaga il suo corpo e la sua brama sazia, rendendo la sua vita una disgrazia !

Ma poi si pente e si autoflagella quando sfiorisce la sua giovinezza, pian piano viene meno la baldanza, e trepida s’affaccia la speranza.

Povero vegliardo traballante rugoso, sdentato e assai malconcio ! “Vecchio scimmione” gli grida un monello, quasi a punirlo di essere stato bello. Paura infinita e senza tregua, pianto, crucci, angoscia e accoramento a che serve, pupazzo, non intendi ? Prega, intanto, e il Suo Giudizio attendi. Quale augello che agita le ali, lo spirito spicca il volo da quel corpo; o misera carcassa senza vita, gonfia, fetida e incartapecorita !

Si scindono gli elementi tutti e cinque, e tutto torna al processo antico, che val tanto cordoglio, mondo pazzo, se cenere diventa quel pupazzo ?

Tutta la parentela assai dolente, mesta s’aggira nella camera ardente; la bambola Maya, ahimé, oblia i parenti e il Nome Divino, che salva le genti.

O anima, non aggrapparti ad un esile fuscello ! Uno starnuto, e la fragile barca di pelle già da tre falle sconquassata, dagli impetuosi flutti è inabissata. Mentre piange il pupazzo, dorme e si sveglia, una mano invisibile i suoi fili tira: E’ il Signore, dietro il fondale, ma il pupazzo grida “Sono io, sono io, l’altro non vale !”. Il Dharma e il Karma sono i saldi fili ch’Ei tira o allenta, a piacimento; ignaro quel fantoccio, assai laconico calca le quinte di questo palcoscenico. Crede, lo sciocco, che il mondo sia stabile; che stupido, arrogante e babalocco ! Un attimo, un niente ed il sipario è chiuso; Dov’è la tua vanagloria, povero illuso ?

O anima, che viaggi disagiata, senza meta, tra esseri animati e inanimati, cerca senza indugio e con far solenne la via del tuo Dio, Gioia Perenne. Quanta fortuna benedetta ! Non vedi Khrishna ? Eccolo là ! Avvicinati a Lui, e poi saprai tutti i perché che ti assillano assai. Un milione di belle e sagaci parole ti placherà il morso del languore ?

Or dunque la luce dell’anima accendi e, libero da lacci, verso Dio propendi. Questa canzone del bambolo muto, lo so, trista ma saggia fa l’anima che ascolta.

O anima, di Sathya Sai Nath il gran Gioco Divino ammira e sappilo ….. “Quello tu sei ! Beato allor respira.”















 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010