lunedì 17 giugno 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
QUANDO LA MAGIA FINISCE
 
Quando  la magia finisce Piccolo manuale per coppie felici - Prima parte
Quando ci innamoriamo viviamo una totale magia: ci sentiamo pieni di energia e di passione e ci rendiamo conto della ricchezza che, per tutta quella fase, sentiamo dentro; è qualcosa che ci fa sentire collegati al giardino dell’Eden, in cui tutto è splendido, senza tempo, senza fatica e senza frustrazione. Perché accade questo? Perché, quando ci innamoriamo veniamo trascinati a vedere tutto ciò che c’è di bello di noi.. e questo ci fa sentire al settimo cielo, parte di un mondo meraviglioso. L’innamoramento ci permette di guardare “dentro” al mondo interiore dell’altro trovandoci tantissime qualità e potenzialità: infatti, in quella fase, guardiamo principalmente all’ essenza che, per questo, è fantastica. Purtroppo però, con il tempo le cose cambiano perché la realtà e la quotidianità ci richiamano all’ordine e quindi, pian piano, rientriamo dentro alla vita normale che finisce per rapirci ed allontanarci da quella magia facendoci perdere il contatto con quella ricchezza che, se non altro per un attimo, si era intravista. L’errore proiettivo però è ancora forte e ci permette di illuderci sul fatto che essa sia esterna, mentre invece quella particolare ricchezza è interna.

Il ritorno alla quotidianità ci riporta dentro al mondo del lavoro, delle relazioni esterne e delle necessità della vita. Ognuno dei due impegnato e spesso sovraffaticato. Quasi sempre poi arrivano i figli che portano in secondo piano la relazione perché attraggono tutta l’ attenzione insieme alla energie e alla disponibilità totale.

Trascorre così inesorabile il tempo e un bel giorno ci troviamo con i figli grandi ma senza una relazione; essa infatti sembra essere scivolata via lentamente senza che ce ne accorgessimo, e senza poterci riferire a fatti precisi; semplicemente… non c’è più; ed anche se siamo ancora li’, insieme, però ciò che conta veramente, quell’energia unica e quella magia intima che alimentava la la voglia di stare e fare delle cose insieme, non c’è più; a quel punto, c’è una grande percezione di vuoto; ci sentiamo feriti, traditi e disillusi, come se fosse l’altro a non aver mantenuto la “grande promessa iniziale”.

Così cominiciamo a pensare a rimuginare e magari ci convinciamo che questo è normale, dato che tutti o quasi, ci dicono la stessa cosa; che purtroppo le cose cambiano, che la passione scompare e che resta solamente un surrogato anche abbastanza deprimemente.

La domanda che viene spontanea è: “ma è proprio vero che una relazione è destinata a finire nel cassetto della roba dismessa, oppure ci sono delle chance che non riusciamo a vedere e che, di conseguenza, non cogliamo?”.

E se esiste questa possibilità, perché nessuno ce ne parla e ci insegna come mantenere un rapporto vivo e vitale riuscendo a far crescere sia la necessaria individualità che la relazione senza per qusto vivere sempre o l’una o l’altra o… peggio ancora, l’una contro l’altra?

Una coppia per poter perdurare con una sana affettività nel tempo, ha bisogno di diventare il contenitore di una vera e propria crescita personale oltre che comune, pertanto deve avere un obiettivo preciso che permetta di non sentire l’impegno e la responsabilità come qualcosa che limita la nostra libertà ma qualcosa che invece si è scelto e sottoscritto e che, nei momenti difficili possa stimolarci ad andare avanti.

L’astrologia – grande maestra di vita - può fornirci buoni spunti di riflessione: la casa VIIa del nostro tema natale suggerisce la modalità con cui noi entriamo in coppia, il modo in cui la sentiamo e la fantastichiamo e ciò che tendenzialmente andremo ad incontrare in essa attraverso le nostre proiezioni.

Tuttavia, la casa in questione ha un significato più ampio di quello riferito alla “coppia” e, pertanto, indica anche i rapporti di “società” e le “relazioni” che intratteniamo e il modo in cui percepiamo chiunque altro, al di là delle relazioni di coppia.

Quindi significa che, per alcune cose, dovremmo intendere la relazione amorosa né più e né meno di una partnership a livello professionale in cui i nostri collaboratori o soci sono visti come persone che hanno un rapporto paritario con noi, soggetti con cui avere scambi, condivisioni, obiettivi comuni e negoziazioni sulle divergenze di vedute, il tutto finalizzato a far crescere la società e a creare le condizioni in cui ognuno possa esprimersi al massimo, potenziando le competenze e trovando sinergie che permettano una crescita di tutti e, naturalmente, anche della società.

La parola magica è prorio insita in quella “crescita comune” che viene garantita dalla relazione e, a maggior ragione, dalla relazione intima e sentimentale.

Possiamo così dire che dentro ad una relazione intima ci dovrebbe essere sia la parte più interessante e gratificante (sentimento, passione, emozione, sessualità), ma anche la parte più legata alla partnership (impegno, collaborazione, condivisione e negoziazione).

In una relazione intima bisogna poi occuparsi delle numerosissime interazioni assolutamente inconsce che, lavorando al di fuori della coscienza, possono minare dal di dentro senza permetterci di vedere i modelli in azione; infatti a volte si è così stanchi, così carichi di tensione e di stress e così distanti dall’altro e dai bisogni veri, da non vedere più nulla di positivo o di risanabile.

Certo, per crescere non basta la coppia perché bisogna contare anche sulle nostre risorse interiori e sulla capacità individuali. Ogni passo nella crescita personale può diventare magicamente un successo che può essere anche di stimolo alla crescita della coppia. Molte relazioni purtroppo, terminano non per pura e semplice mancanza di sentimento, ma perché non si trova il modo di gestire la negatività e la distruttività che viene accumulata nel tempo e che deriva dalla mancanza di dialogo e di reale condivisione e dalla sensazione di essere chiusi dentro ad una gabbia.

In molte coppie i partners non si fidano l’un l’altro; per fiducia intendo quel sentimento che permette ad una persona di sentirsi accolta e di poter esprimere anche la propria negatività o il proprio dissenso; questo è un tratto molto comune alle persone che, trattengono, non parlano e finiscono nel tempo con l’accumulare così tante tossine da rendere insuperabile il blocco e la distruzione.

Due persone per poter stare insieme devono poter comprendere i punti di forza e di debolezza di entrambi ed accettarli; difendersi e non mostrare le fragilità può rivelarsi una vera e propria calamità; bisogna poi riconoscere l’arricchimento che giunge dalla diversità: uno può essere creativo e progettuale e l’altro può essere pratico ed occuparsi di tutti i dettagli ma non per questo il lavoro del primo dovrà essere considerato più valido di quello del secondo; inoltre, bisogna assolutamente lasciar andare le questioni di potere che, sono quelle che impediscono letteralmente l’avventura comune e irrigidiscono le posizioni e i ruoli.

Vivere una relazione fino in fondo vuol dire “ascoltare veramente l’altro” il che non significa arrendersi, dominare o sottomettersi, ma semplicemente conoscere la sua modalità di vedere la realtà, senza essere necessariamente d’accordo con essa; l’ importante non è essere d’accordo, ma sentire ed ascoltare e cercare di entrare dentro al punto di vista dell’altro; questa è una vera lezione da casa settima Bilancia “riconoscere all’altro lo stesso diritto ad avere opinioni, valori e comportamenti propri”. Se ci sono difficoltà in questo processo è bene cercare di comprendere quali sono gli ostacoli interni: cosa è che all’interno non “tollera” la diversità dell’altro. Perché è di questo che si tratta: quando un contenuto interno non è tollerato, l’altro lo metterà in luce risvegliandolo e facendolo urlare.

Per questo la coppia può essere fonte di grande crescita personale perché l’altro ci obbliga ad affrontare i nostri irrisolti senza necessariametne volerci metterci i suoi.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010