sabato 20 luglio 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
IN QUALE DEA TI RICONOSCI? (1°PARTE)
 
In quale Dea ti riconosci?  (1°parte) La psicologia femminile è estremamente complessa ed è fatta di stadi attraverso cui ogni donna deve inevitabilmente passare per sviluppare parti di sé, che immettono in fasi successive in cui vi è maggior consapevolezza e maggior conoscenza delle qualità che appartengono al femminile: affettività, contenimento, emotività e relazione, nonché di quelle che deve sviluppare per diventare un essere completo: individualità, indipendenza e capacità di perseguire obiettivi personali.
Spesso però le donne sottovalutano il fatto che la residua cultura patriarcale in cui viviamo è andata favorendo solo alcune di queste qualità, negandone e rifiutandone altre che sono per loro altrettanto importanti. Spesso, nel cercare di adeguarsi ai ruoli che la società richiedeva, le donne hanno finito per denigrare la loro natura più intima e profonda.
Nell'Olimpo greco esistevano sei Dee che rappresentavano sei diverse componenti psicologiche femminili, tutte derivate dalla frammentazione di un'unica Dea, la potente e minacciosa Grande Madre, che aveva dominato incontrastata tutto il culto della fase matriarcale durata oltre duemila anni e che, aveva da poco lasciato il passo alla nascente cultura patriarcale greca fatta di Dei e di eroi maschili, in cui si cercava di esorcizzare la paura che il nome stesso della Grande Madre suscitava. La conoscenza dei simboli che queste sei Dee incarnano, consente alla donna moderna di comprendere meglio quali sono le sue attitudini interne e di sentirsi perfettamente normale anche se privilegia alcune caratteristiche, che magari non sono così ben accettate nella cultura in cui vive.
Vi consigliamo quindi di leggere attentamente la descrizione del mito di ognuna delle sei Dee. Scegliete quella nella quale vi riconoscete o che maggiormente vi rappresenta, oppure che vi più è "simpatica". Di seguito troverete una descrizione del tipo di donna che è collegata a questo mito e che quindi rappresenta - almeno in gran parte - il vostro carattere.

Per ognuna di esse abbiamo inserito anche una corrispondenza astrologica, che ogni donna potrà riscontrare nella posizione della sua Luna nel Tema natale.

LE DEE VERGINI...

Nell'antica Grecia, le Dee si dividevano in due categorie: quelle Vergini e quelle Vulnerate. Il termine "Vergine" nella cultura greca, aveva un significato molto diverso da quello che gli viene attribuito oggi; Vergine significa non contaminata, pura, non manipolata e non intaccata e, con questo aggettivo, veniva indicata una categoria di donne (dette anche Etarie), che sceglievano di appartenere solo a se stesse e di non lasciarsi contaminare dal rapporto con la società, con gli uomini o con i figli. Difficilmente si sposavano pur avendo rapporti, poiché pensavano che la loro trasformazione non dovesse passare attraverso un'altra persona: erano donne indipendenti che perseguivano con costanza e determinazione gli obiettivi e le mete che si erano prefissate senza scendere a compromessi. Queste donne privilegiavano quindi la parte più razionale della loro natura e meno quella sentimentale.

...E QUELLE VULNERATE

II termine "Vulnerata" sta invece ad indicare quelle donne che vivevano ruoli più tradizionali, anche molto più accettati nella cultura greca, che diventavano mogli e madri ed erano portate a far dipendere il loro benessere dai legami affettivi, poiché erano meno indipendenti ed autonome sotto il profilo psicologico.
Il loro equilibrio dipendeva essenzialmente da fattori esterni a loro piuttosto che da quelli intemi. Rappresentano pulsioni e desideri presenti, nella maggioranza dei casi, nelle donne più giovani: sono quindi riferite a stadi che le donne vivono nella prima parte della vita, allorché la spinta biologica (associata alla Luna) è molto più prepotente, anche perché tende a soddisfare uno dei più grandi bisogni lunari che è quello della sopravvivenza della specie. Le Dee olimpiche erano spesso in contrasto tra di loro e questo si può naturalmente ricondurre ai vari aspetti conflittuali interni che ogni donna si trova a vivere.
Astrologicamente parlando ciò avviene allorché la loro Luna natale segnali combinazioni con pianeti dalla natura molto differente. Ad esempio: una donna che abbia una Luna congiunta a Giove, quadrata a Nettuno e trigono a Urano si sentirà costretta in un rapporto molto esclusivo che possa soddisfare il suo bisogno di fondersi (Nettuno), con la sua natura materna (Giove), però avrà delle forti spinte di ribellione poiché ci sarà sempre una parte di lei che propenderà verso una libertà psicologica che prescinde da qualsiasi legame (Urano).
Parlando in termini di Dee è come se all'interno fossero attive in lei sia Persefone, sia Demetra che Artemide e ognuna fosse in contrasto con le altre due per avere la superiorità. Questo spiega anche perché possiate ritrovare parte di voi stesse in una Dea e parte in un'altra. E' il grande gioco della vita e dei suoi mutamenti che anche gli antichi greci conoscevano bene.


Le Dee Vulnerate:

DEMETRA
il suo mito è strettamente legato a quello di sua figlia Persefone. Demetra è la Dea della natura e delle messi, signora di tutti i raccolti. La storia di Demetra inizia proprio dal rapimento di sua figlia Persefone, nata dal suo matrimonio con Zeus. Persefone viene rapita dal fratello della madre (Ade), signore del Regno dei Morti, con il consenso di Zeus. Esiodo racconta della bellissima Demetra in preda alla follia per nove giorni e nove notti alla ricerca disperata della figlia. Saputo del rapimento, Demetra provò un dolore immenso e si sentì terribilmente oltraggiata come donna e come madre e decise di rifugiarsi in un tempio a Eleusi e di rimanere in assoluta passività fino a quando non le fosse stata restituita la figlia. Poco a poco tutto intorno divenne desolazione e morte; ovunque vi furono carestie poiché niente poteva pm nascere e crescere senza l'opera di Demetra. Solo allora Zeus ordinò a Ermes dì riconsegnare Persecene alla madre. Quando Demetra riabbracciò la figlia restitui la fertilità alla Terra. Incarna il simbolo di Madre, l'istinto materno che si realizza nella gravidanza e nell'accudimento dei figli, colei che nutre, che da sostegno e che vive essenzialmente per questo. Le donne ohe hanno questo tipo di pulsione sacrificano qualunque cosa per i loro figli (questo è simboleggiato dal rifiuto di fecondare la terra) e quindi sacrificano spesso la loro indipendenza e la loro vita.
Queste donne sono terribilmente possessive e avvolgenti e possono, proprio come Demetra, diventare depresse qualora i loro figli, ormai cresciuti, pensino di abbandonare il nido. Devono riuscire a mettere in luce la loro possessività per evitare di diventare fagocitanti, poiché, avendo rinunciato alla loro vita, creano delle dipendenze affettive che impediranno ai figli di intraprendere la strada della loro autonomia. Le donne che si riconoscono in questa Dea hanno molto probabilmente una Luna in Toro, oppure una Luna in Casa seconda in aspetto con Giove che le spìnge in direzione della maternità come unico scopo della vita. Sono sicuramente ottime in questo ruoLo, forse le migliori dello Zodiaco, però devono sviluppare anche la capacità di diventare madri di se stesse, onde evitare di investire tutto sui loro figli, soffrendo poi di depressioni quando il loro nido sarà vuoto.


ERA
E' la bellissima moglie di Zeus, signora del Matrimonio. Lei è incarnata nel ruolo di moglie. Il mito ci parla di questa Dea alla quale Zeus concesse una luna di miele di oltre trecento anni, alla fine della quale lui tornò alle sue consuete infedeltà, che scatenavano l'ira funesta di Era, che ogni volta si scagliava contro l'altra" o contro i "figli dell'altra". Era fu umiliata tante volte dal marito e i miti la ricordano proprio per le sue collere inarrestabili e vendicative. Di tutte le Dee dell'Olimpo è quella che mostra le più grandi esasperazioni ed emana una forza di potente intensità nella gioia e di cieca distruttività nel dolore. La differenza tra Era e le altre due Dee sta nel fatto che questa reagisce alle umiliazioni con l'attività anziché con la passività.
La donna che incarna Era ha come desiderio primario quello di diventare una moglie, poiché si sente del tutto incompleta senza un uomo accanto, però, questo tipo di donna non si accontenta di un uomo qualsiasi, poiché desidera al tempo stesso il prestigio, l'onorabilità e il rispetto che il marito e il matrimonio le possono portare. Lei non vuole vivere con un compagno, vuole un riconoscimento ufficiale del suo stato sociale ed è felice solo quando lo raggiunge. E' ambiziosa e dopo il matrimonio spingerà il marito affinchè questo si realizzi e diventi sempre più importante ed affermato. Anche il potere le interessa, seppure di riflesso. Non ama né artisti né sognatori, vuole un uomo di successo poiché la sua mira è quella di elevarsi socialmente e di frequentare ambienti e persone giuste.
Una caratteristica di queste donne è la chiara ostilità che mostrano verso le altre donne che vengono viste tutte indistintamente come "potenziali rivali". Sono estremamente gelose e tendono a svalutare le altre di fronte al marito. Qualora qualcosa non vada esattamente come loro pensavano si scatena la vendetta e la crudeltà e questa si dirige proprio sulle altre poiché, essendo dipendenti emotivamente ed economicamente dal marito, sono costrette a scaricare indirettamente la loro collera e il loro biasimo. Questa donna è spesso ben rappresentata dalla Luna Scorpione e dalla Luna in casa ottava o in aspetto dinamico con Plutone. Per giungere a scatenare questa violenza cieca e distruttiva occorre però anche un aspetto con Marte. Queste donne hanno bisogno di riconquistare fiducia nelle loro possibilità e devono quindi cercare una realizzazione personale e trovare soddisfazione in qualcosa di creativo, altrimenti tutta l'energia che possiedono si trasformerà in distruttività verso se stesse e verso gli altri. Devono inoltre imparare a sublimare la rabbia anziché alimentarla fino a farla diventare incontrollabile.


PERSEFONE
II suo mito inizia quando lei giovinetta, mentre stava raccogliendo fiori in un prato, viene rapita dal terribile ed invisibile Ade che la portò nel Regno dei Morti per farne la sua sposa. Persefone rappresenta il mito della trasformazione attraverso il rapporto con un uomo. Lei viene usata, prima come una fanciulla innocente, quasi adolescente, ignara di tutto, soprattutto ignara di sé, della sua sessualità e di quanto vuole dalla vita; poi la si vede invece profondamente trasformata quando assume la funzione di Regina degli Inferi. Infatti, nel periodo che trascorse con Ade, prima di ricongiungersi con la madre, Persefone aveva mangiato i semi di melograno (simbolo delia sessualità e delia trasformazione) e per questo Zeus decretò che ella non poteva più restare solo nel regno dei vivi, ma doveva trascorrere un terzo del suo tempo ("quattro mesi all'anno) in quello di Ade. Persefone in pratica non scelse nulla, ma con la sua passività lasciò che tutto accadesse .
Questo mito rappresenta la donna giovane che non conosce né i suoi desideri né le sue forze. E' una figura passiva che lascia che gli altri attorno a lei decidano ogni cosa, senza mai opporsi e senza veramente rendersi conto di quanto le sta accadendo. Chi vi si identifica diventa moglie, magari madre, spinta da impulsi inconsci, comportandosi da perfetta spettatrice della vita. Non si conosce, non sì analizza e tende ad aderire all'immagine che gli altri hanno di lei. E' una donna profondamente adattabile perché fluttua, incarnando giorno dopo giorno il ruolo che viene loro richiesto: cercando di fare
qualsiasi cosa ci si aspetta da loro. Hanno una natura molto femminile, ma incarnano il simbolo della donna-bambina, facilmente plasmabile poiché prive di una vera volontà. Questi atteggiamenti spesso sono ben visibili nella Luna Cancro o Pesci e nelle combinazioni Luna/Venere che accentuano i lati di passività e una certa debolezza di carattere mista ad una pigrizia e al desiderio fanciullesco che siano gli altri ad assumersi ogni responsabilità e a prendersi cura di loro. Per giungere alla maturazione queste donne devono riuscire a trasformarsi, così come fece Persefone sviluppando la capacità di diventare attive e di decidere cosa fare.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010