sabato 20 luglio 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
MATRIX È TRA NOI? I RAPPORTI SATURNO NETTUNO
 
Matrix è tra noi? I rapporti Saturno Nettuno La domanda che spesso si pone l’uomo moderno è: Matrix esiste? E’ già parte del nostro vissuto? Oppure resta una delle tante illusioni di chi ha il potere ma non è ancora realtà? Che ci vuole veramente dire l’opposizione celeste tra Saturno e Nettuno ?

Tra i tanti temi interessanti che possono essere considerati “miti moderni” vi è quello legato all’idea di non poter più essere autentici in quanto controllati da sistemi che sorvegliano tutte le nostre azioni, sia pubbliche che private. Il tema di Orwell del “grande fratello” è più che mai attuale, o meglio, è una delle paure legate al futuro e nasce dalle potenzialità che la tecnologia mette a disposizione dell’uomo e che, se utilizzati in maniera negativa da chi detiene il potere, potrebbero veramente mettere in scacco la libertà individuale.

Molti sono i messaggi, i libri e i film che si pongono questo interrogativo e, sicuramente, tutti hanno il potere di evocare in modo significativo gli incubi sepolti nell’immaginario collettivo; infatti, noi, individui tecnologicizzati, vivendo in una selva di carte di credito, telepass, telefonini e tessere magnetiche varie, ci ritroviamo spesso del tutto inconsciamente ad essere “osservati” da sistemi telematici che registrano ogni nostra azione; in pratica, diventiamo una traccia su un monitor che, in qualunque momento, può rivelare dove siamo e cosa stiamo facendo.

In pratica, il grande fratello è diventato realtà al punto da avere posto questa spada di Damocle sopra la nostra testa; tuttavia, siccome ognuno di noi è anche titolare di “percezione selettiva”, siamo ben pronti a rimuovere questa idea, cullandoci nell’illusione che tutto ciò sia solo fantascienza, ancora ben lontano dall’essere attualizzato continuando così a godere della tecnologia che, in fondo, sembra aiutarci a vivere meglio.

Quando però, un film di grande successo ripropone questa idea, ecco all’improvviso riaffiorare la paura che potremmo già esere dentro a qualcosa di simile senza tuttavia averne la percezione, cosa che richiama ad un senso di “trance collettiva” di cui solo pochi “eletti” avrebbero sentore.

Ovviamente stiamo parlando di “Matrix”, il meraviglioso film dei fratelli Wachowsky uscito nel 1999 che ha rievocato questo timore contaminando gli spettatori che, all’uscita del film, si interrogavano se erano già dentro a “Matrix” e se, nel caso, avrebbero avuto qualche chance di rendersi conto e quindi di difendersi.

In Matrix il tema è leggermente diverso in quanto è ambientato in un mondo in cui le macchine hanno preso il sopravvento sull’uomo e governano il mondo soggiogando l’umanità in modo da poter estrarre l’energia necessaria alla loro sopravvivenza.

Certo, risulta difficile per gli esseri umani immaginare una cosa simile; in genere lo abbiamo ipotizzato pensando ad eventuali extraterrestri dotati di poteri superiori, ma per noi è difficile invece pensare che siano le macchine, inventate da noi a soggiogarci. Tuttavia, il tema è potente in quanto, interessandosi al futuro, ci obbliga a pensare a ritroso, a come sono andate le cose nel passato e a come una parte di umanità si sia ingoiata l’’altra parte per garantirsi lo sfruttamento delle risorse. Molto realistico poiché mette anche in guardia l’umanità dall’abuso di tecnologia sempre più sofisticata, gestita da computers e da intelligenze artificiali che, in particolari mani, potrebbero creare più disastri di quanto crediamo..

Molto interessante nel film è il concetto di “simulazione” in cui chi comanda, ed è ovviamente fuori da Matrix, invia imput ai cervelli umani illudendoli di essere in un certo mondo e in una certa situazione che, invece, non esiste più da anni.

Concetto questo molto acquariano: la difficoltà e la sfida nell’Era dell’acquario consisterà proprio nella capacità di distinguere il vero dal falso.. e il reale dal virtuale; noi pensiamo che Matrix sia una esagerazione, tuttavia sono già tanti i campi in cui non siamo affatti certi che l’informazione che riceviamo sia quella giusta.. e che la realtà sia esattamente quella che ci viene raccontata.

Anche questo ci riporta ad un concetto di “trance collettiva” in cui solo pochi individui potrebbero esserne fuori..e, ovviamente, avere molto potere sugli altri (i cattivi), oppure combattere per “risvegliare” l’umanità (i buoni).

Il film come sempre, lascia aperte le porte alla speranza: infatti, pur in una situazione disperata, c’è l’eroe di turno che non si accontenta di ciò che sta vedendo.. ma che è alla ricerca. Questo è un famoso hacker che cerca di scoprire la verità .. ovviamente parlando in rete.. cercando contatti.

Anche questa intuizione del film è molto interessante; come a dire che il film ci dice che non tutti dormono.. o meglio non sempre; infatti Neo, l’hacker in questione, è un ragazzo che vive male, è infelice ed insoddisfatto porta con sé il tipico malessere di chi non si accontenta e che va alla ricerca della verità perché vuole conoscere il suo “destino”.

Ritroviamo qui un tema tipico dell’eroe che, ad un certo punto, si trova in “cammino” alla ricerca della sua strada proprio perché non può vivere come un autonoma senza ideali e senza valore perché si sente incompleto e insoddisfatto; ed è proprio questa la “malattia degli eroi” che, non accontantandosi di ciò che la realtà gli offre, devono partire per trovare senso e significato; nel caso, Neo cerca di capire cosa lo tiene prigioniero e come potrebbe liberarsi.

Nel film Neo è anche l’eletto, una sorta di moderno Prometeo salvatore in grado di lottare per liberare il genere umano da questa schiavitù penetrando all’interno del sistema fino a distruggerlo. Egli viene quindi contattato da Morpheus, capo della Resistenza, e messo in condizione di scoprire pienamente la libertà.

Anche in questo passo ritroviamo un tema mitico..quello dell’effettiva presa di coscienza del problema.. qualcosa che avviene dopo la crisi e dopo l’essersi messo sulla strada della ricerca. Infatti, Neo trova Morpheus nel momento in cui è pronto, e, più simbolicamente, in grado di riconoscere da quale parte sta la verità.

Nel film è importantissima la presa di coscienza di Neo. Infatti, senza di essa non potrebbe fare nulla contro i programmi che controllano che Matrix non venga distrutta o intaccata; è molto chiaro nel film che lui deve trovare dentro di sé la forza per combattere il sistema, non basterà che gli altri sappiam che lui è “l’eletto”, è lui che deve diventare “l’eletto”.

Anche questo passaggio è interessante perché riguarda il “diventare eroe”: l’eroe non è tale perché ha anche in sé una forza e un potenziale in più di altri per realizzare la sua impresa, ma è tale perché compie una “scelta precisa”, si mette in gioco; nel film infatti, il momento cruciale è rappresentato dalla decisione di Neo di rischiare in prima persona per liberare Morpheo che è stato fatto prigioniero dal sistema.

E’ li’ che prende coscienza che ha un “destino unico e speciale” e che dentro ha tutti i potenziali per sconfiggere chi vorrebbe impedire che questo si realizzi. Quello è il momento in cui lui crede fortemente in sé stesso e può liberare ciò che è sacrificato.

In effetti l’eroe si differenzia dalla gente comune perché vuole conoscere il suo destino e vuole interpretarlo e, per questo, non si sottomette al destino collettivo ma lotta per esprimere la sua individualità; ed è in quel momento che la forza della vita individuale può avere la meglio sulla narcosi collettiva. Neo infatti, in quel preciso istante, trova gli strumenti necessari per superare gli ostacoli che chi detiene il potere crea per fermarlo.

Ovviamente Matrix – anche se è stato fatto alcuni anni fa – sottolinea anche il difficile rapporto tra la realtà e l’illusione e segnala come sia facile cedere all’illusione senza che ci si accorga, soprattutto quando l’illusione permette di vivere in modo “disimpegnato”.

Da un punto di vista astrologico è altrettanto interessante vedere che l’uscita nelle sale di Matrix – nel 1999 – coincise con la quadratura tra Nettuno - appena entrato in acquario - e Saturno che entrava nel segno del Toro, creando uno scontro netto tra illusione e realtà; pochi mesi dopo, Saturno, più veloce di Nettuno, andava a porsi in quadratura a Urano.. sempre tra i due segni in questione a sottolineare, a mio avviso, in maniera ancora più potente e fragorosa la scissione tra il virtuale e il reale e l’illusione di poter eludere la realtà e le sue difficoltà.

Forse, proprio in quel momento, la presenza sia di Nettuno che di Urano nell’acquario sostenevano il sogno avveniristico di poter cambiare “la realtà”, rendendola “perfetta”; infatti, il sogno di Matrix, è quello di vivere in maniera perfetta , come vivono “le macchine”; come sempre, resta il problema dell’energia, anch’esso molto attuale, anzi, più attuale che mai: dove vanno a prendere l’energia le macchine?

Naturalmente dall’uomo che, a quel punto, deve essere reso innocuo per poter servire un progetto.

Certo, Matrix è una finzione però più reale che mai.. ed oggi siamo in grado di comprenderla; astrologicamente stiamo infatti vivendo la lunghissima opposizione tra Nettuno e Saturno che ci ripropone questo interrogativo: se qualcuno vuole vivere “troppo bene”, qualcun altro dovrà vivere “troppo male”; se qualcuno deve dominare, ci sarà qualcuno che deve essere assoggettato e poco importa se sono macchine o uomini perché il punto sta piuttosto capire come uscire da questa dinamica che non può che portare conflitto e distruzione.

Poco dopo l’opposizione tra Nettuno e Saturno che si scioglierà in estate, vivremo l’opposizione tra Saturno e Urano che potrebbe essere ancora più forte, energeticamente parlando.

Forse Matrix è più attuale che mai perché ci richiama a pensare che solo le pari opportunità per tutti (Acquario) consentiranno di vivere una realtà (Saturno) diversa che offra garanzie migliori e sicurezze a tutto il genere umano. I segni interessati ci fanno comprendere che l’illusione vera è la sicurezza generata da pochi e scapito di tanti.


Matrix ci fa inoltre comprendere che credere troppo nelle macchine potrebbe essere la vera follia del futuro e apre il velo di Maja sull’illusoria verità che sarà la tecnologia a salvarci. Forse, Matrix e i transiti non fanno altro che sottolineare che dobbiamo ritrovare contatto con la realtà.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010