lunedì 17 giugno 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
HANSEL E GRETEL – LE DIFFICOLTÀ DI INDIVIDUAZIONE
 
Hansel e Gretel – Le difficoltà di individuazione La fiaba di Hansel e Gretel tratta il difficile rapporto dell’autonomia dei figli , la pericolosità della regressione e il superamento della paura e del bisogno. E’ una fiaba che spiega bene le difficoltà a cui si può andare incontro quando non si riesce a “lasciare la casa genitoriale” e quindi l’inconscio si presenta con tutta la sua potenza regressiva e l’eroe rischia veramente di regredire in una sorta di psicosi.

LA FIABA

Hansel e Gretel due bambini che vivono in una casetta nel bosco, un bel giorno, del tutto fortuitamente, sentono i discorsi dei loro genitori che stanno tramando per abbandonarli al loro destino perché sono diventati poveri e non possono più mantenerli. Decidono quindi di fare una passeggiata nel bosco con i bambini.

Questo aspetto della fiaba induce a pensare alla grande paura che il bambino sperimenta nel momento in cui deve affrontare la sua autonomia, soprattutto quando è stato sempre nutrito senza aver affrontato responsabilità: sono le sue paure che vengono proiettate sui genitori che, nel caso, vengono visti come tradenti ed abbandonanti.

Il tema dell’abbandono è forte: i figli, ad un certo punto della loro vita devono svincolarsi e, se non ne sentono la necessità in prima persona, devono in un essere “spinti” dalla famiglia; se questo non accade il rischio per loro è molto grande perché non vi sarà individuazione, non vi sarà vita autonoma. Significa che restano figli e non diventano adulti. …

Nella fiaba si ipotizza per loro “il morire di fame” che possiamo vedere come simbolo di una impossibilità della madre di continuare a nutrire; non c’è più questa possibilità.

I due bambini hanno paura e temono di non farcela ed anche questa è una situazione che avvertono tutti i ragazzi quando devono rendersi indipendenti ma, per altri versi, si sentono impreparati a fare da soli.

La fiaba ci parla solo della figura materna.. il padre non c’è, è assente ed anche questo è motivo di ulteriore difficoltà per i due fratelli: simboleggia un taglio di simbiosi senza dall’altra parte una figura maschile che aiuti a fare questo passaggio… ecco perché loro sono così tanto spaventati.

Nella realtà è la figura del padre che deve accompagnare i figli ad affrontare il mondo, uscendo così più facilmente dalle braccia accoglienti della madre per entrare nel mondo ed apprendere le regole dell’affermazione, della conquista e dell’autosoddisfacimento dei bisogni.

I due bambini vengono lasciati nel bosco e cominciano la loro ingenua esplorazione: si muovono lasciando delle briciole di pane, in modo da non perdere la strada e la loro scia la segue un corvo nero che li invita a seguirlo in una bellissima casa di marzapane che si trova un po’ più distante: lì – dice il corvo - potranno mangiare tutto quello che vogliono, comprese le cose dolci che sono particolarmente appetibili per i due fratelli.

Questo tratto indica un passaggio tipico della crescita in cu si è ancora molto in contatto con le forze dell’ inconscio (si è nel bosco) e ci si sperimenta molto fragili, insicuri con un grande desiderio di trovare sostegno ed accudimento da parte del mondo esterno; l’immagine delle briciole di pane che lasciano dietro di sé indica chiaramente il loro desiderio di tornare a casa dalla madre. Sono fasi molto delicate della crescita e si rischia di sentirsi così smarriti da dare retta solamente al proprio istinto (corvo nero), diventando bisognosi e dipendenti senza ancora la capacità di organizzare le altre potenzialità interne che sono ancora da scoprire. C’è solo istinto e manca la capacità discriminatoria della mente e manca un IO capace di fare da centro.

La casa di marzapane è chiaramente un “abbaglio, un’illusione”, una “seduzione dell’inconscio” – Jung la chiama la seduzione del Drago - qualcosa che solletica il bisogno di morbidezza e di accoglienza dei due fratelli, ma che indica molto chiaramente il rischio che si corre quando ci si lascia sedurre dalle cose che appaiono troppo semplici e facili.

In questo punto della fiaba si rappresenta in modo preciso il bisogno di ritornare dentro all’utero materno evitando di combattere la lotta per l’individuazione: tutti però sappiamo che questo è l’impossibile sogno: infatti, una volta adulti, non ci si può più illudere di trovare madri e simbiosi se non a scapito della vita psichica stessa.

I due bambini, spinti dalla paura e dal bisogno, cadono nella trappola tesa da una vecchia strega che prima si mostra accogliente e dopo diventa divorante..e mortale.

Hansel e Gretel si saziano, divorano una buona parte di casa, dopo di chè, mentre stanno per uscire, vengono bloccati dalla strega; prima li invita a dormire da lei, poi, al loro rifiuto, li obbliga a restare e li chiude dentro a stanze senza finestre e senza alcuna possibilità di fuga; dice loro che li farà ingrassare per poi mangiarli.

La favola qui è incisiva ed inequivocabile. Se non si comincia ad usare la parte razionale, le forze dell’istinto e il bisogno di dipendere possono mostrarsi particolarmente distruttive conducendo il soggetto all’inevitabile regressione, che, per la psiche è simile all’annientamento.

L’idea dei due bambini che devono ingrassare per essere divorati è molto chiara nel rappresentare questo rischio: ci ricorda che se non diventiamo indipendenti e se non siamo in grado di rinunciare al “principio di piacere”, resteremo dipendenti e cercheremo soddisfazione dei nostri bisogni attraverso altre persone, rischiando la morte.

La morte psichica è la non autonomia che ci rende fragili senza un’autentico sviluppo delle nostre forze.

Come sempre le fiabe presentano il lato positivo e ci fanno comprendere che le prove non sono altro che possibilità. Infatti, nonostante il rischio che corrono, proprio da questa prova i due fratelli comprenderanno molte cose e usciranno più maturi e più indipendenti: infatti Hansel suggerisce a Gretel di ingannare la strega – che ci vede poco - facendole toccare un osso di pollo al posto delle sue dita cicciotte, in modo da rimandare il divoramento e prendere tempo.

Ecco che, proprio da una prova difficile e molto pericolosa che mette addirittura a repentaglio la loro vita, i ragazzi trovano le loro risorse interne e imparano come metterle a frutto. Anche nella vita reale è così: le prove, le difficoltà, i cosìdetti transiti negativi, sono in realtà una vera opportunità per contattare nuove risorse che sono pronte ad emergere.

Gretel si offre di aiutare la vecchia strega e, una volta uscita dalla gabbia, comincia a cercare le chiavi della stanza del fratello e, quando le trova lo libera. Insieme poi, approfittando della scarsa vista della donna e dell’aiuto del corvo, spingono la donna dentro al pentolone di acqua bollente.

E’ un chiaro esempio di come le risorse razionali possono venire in aiuto organizzando insieme le nostre parti (la mente e l’istinto). Qui Gretel trova la sua parte deduttiva e la sua astuzia e Hansel trova il suo coraggio; insieme, usano le loro risorse per mettere a punto una strategia che li porta al successo. Non solo, l’immagine del corvo che aiuta i due piccoli, sta a dimostrare che, quando si fa la cosa giusta, anche l’istinto è pronto a collaborare.

La strega è battuta, la fase di regressione è vinta: la lotta con il Drago ha avuto successo e i due bambini sono liberi.. possono riprendere la loro strada verso l’individuazione.

La fiaba si conclude con i due ragazzi che dicono che non torneranno mai più in quella parte di bosco.

Anche quest’ultima parte è interessante: quando si è diventati adulti e si sono compresi i pericoli e le seduzioni offerte dalla regressione, non vi sarà neppure più il desiderio di tornare indietro. Regredire vuol dire ridiventare piccoli, tornare indietro, essere preda di bisogni che non sono conformi all’età e che, se non respinti, possono bloccarci a lungo in situazioni difficili che ci posono condurre all’immaturità e alla depressione.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010