mercoledì 21 ottobre 2020
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2020/2021
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
IL VALORE DEL SINTOMO IN PSICOSOMATICA
 
Il valore del sintomo in psicosomatica Nessuna malattia, o meglio, nessuna disarmonia interna è priva di una ragione: ogni manifestazione ha una precisa motivazione, a volte anche piu’ di una.

A volte la causa della malattia può essere temporanea e quindi noi abbiamo un malessere che può durare qualche giorno (nel caso di somatizzazioni dovute a Marte – Venere – Mercurio), oppure anche solo qualche ora (Luna), pero’ non facciamoci ingannare, queste derivano da pensieri, emozioni, intenzioni o sentimenti, il piu’ delle volte assolutamente inconsci ma nonostante questo in grado di produrre difficoltà sul piano della comunicazione, degli affetti o nei nostri comportamenti.

Una “collera” che non si è potuta esprimere (Marte) può dar luogo ad una infiammazione alla gola, un’angina o una tonsillite che scomparirà non appena sarà smaltita definitivamente . La durata della manifestazione può essere legata all’intensità dell’emozione: vi siete mai chiesti perche’ in occasione di una notizia per voi drammatica vi è venuto un attacco di colite? La colite può infatti essere legata ad una somatizzazione di risentimento o di una paura improvvisa contro la quale non avete risposte e vi sentite totalmente impotenti ( la colite investe il colon e l’ ano, due organi legati a Plutone e allo Scorpione che simboleggia “ potere- non potere”); così, di fronte ad una situazione in cui proviamo una collera e un senso di distruzione fortissimo che però non possono essere scaricati all’esterno, sarà proprio un attacco di colite a portare fuori ciò che la nostra mente considera distruttivo.

Quanto piu’ noi siamo in grado di elaborare il problema o di smaltirlo attraverso la verbalizzazione e la situazione emotiva - nel caso di un dolore forte - quanto piu’ saremo esenti da problematiche fisiche. Quanto piu’ invece tendiamo a reprimere, tacere o addirittura segretare e, di conseguenza, trattenere all’interno, quanto piu’ possiamo andare incontro a problemi anche gravi sul piano fisico.

Da un punto di vista psicologico infatti la problematica piu’ grave è proprio quella di ordine plutoniano, in cui il soggetto si trova contemporaneamente nell’impossibilità di poter esprimere una sensazione di ingiustizia o di abuso, o ancora peggio di manipolazione continuata ed invischiante da cui non trova via di uscita; sono proprio queste le situazioni che possono dar luogo a gravi problemi fisici di dipendenza o di autolesionismo che possono degenerare fino a produrre una malattia.

Se invece l’emozione è vissuta totalmente, elaborata e gestita bene, ovvero se la persona giunge ad una accettazione della situazione mettendo in atto i cambiamenti esterni ed interni che sono necessari per non restare impantanata, allora può comprendere che da quell’evento aveva sicuramente qualcosa da imparare e, quindi, da quell’esperienza può anche nascere una situazione favorevole.

In questo caso, la manifestazione disarmonica che si era creata, verrà immediatamente a cadere poiche’ l’organismo metterà immediatamente in atto i meccanismi intrinsechi – che ognuno di noi possiede - di autoguarigione. Sottolineo anche che una buona parte della capacità di guarire sta nel saper gestire le emozioni senza esserne distrutti il che significa che psiche e corpo sono strutturati per affrontare anche grandi traumi; l’importante è che questi non si cronicizzino e che diano vita a cambiamenti importanti che derivano dall’elaborazione della situazione.

A volte la causa si presenta ciclicamente oppure ad intermittenza: segnalo qui un caso interessante di una mia cliente che da qualche tempo viveva con la mamma inferma e non più completamente autosufficiente che, per ovvi motivi,aveva ospitato a casa sua, pur con una persona che si occupava di lei tutto il giorno, tranne i giorni festivi. La situazione era difficile ed era presente molta ambivalenza tanto che, ogni volta che lei doveva stare a casa un po’ di giorni perche’ c’erano feste e, quindi, non poteva andare al lavoro, cadeva in uno stato di pseudo depressione che diventava dopo poche ore una fortissima e dolorosissima infiammazione al nervo sciatico che le impediva di muoversi e di camminare, ovvio simbolo di una sorta di peso che si sentiva cadere addosso, ed ovvio simbolo della impossibilità di movimento (infatti erano le gambe ad essere colpite). L’infiammazione faceva pensare immeditamente ad una fortissima rabbia bloccata che esplodeva inconsciamente, visto che lei non la lasciava assolutamente emergere.

Ovviamente, in questo caso, l’accettazione diventava l’unica strada possibile visto che la signora in questione, aveva già vagliato tutte le possibilità e non se la sentiva di metterla in una casa di riposo pechè avrebbe avuto troppi sensi di colpa. Il punto era però che la decisione doveva diventare cosciente e doveva avvenire dopo aver fatto una “scelta” precisa che, per tutti noi, è l’unica possibilità che può impedire di restare bloccati dentro alla trappola psicologica del “vorrei ma non posso”, che è la classica situazione di stallo in cui apparentemente si ha la sensazione di “dover ” fare qualcosa che però non si “vorrebbe fare”.

Così, la signora in questione, una volta valutato tutte le opportunità possibili ha capito che, per lei, questa era l’unica scelta che lei però voleva intraprendere e sostenere, anche se, le costava spesso la perdita di parte della sua libertà di movimento e di azione. Da quando ha raggiunnto questa consapevolezza non ha più sofferto di infiammazione al nervo sciatico e la sua vita è sicuramente migliorata.

Altre persone diventano periodicamente allergiche: ad esempio, una mia cliente Scorpione asc. Sagittario, Luna in Pesci opposta a Plutone, ogni volta che doveva andare in vacanza (in campeggio e quindi in una situazione di contatto 24 ore al giorno con suo marito), lei si riempiva di una allergia alle gambe che diventava anche disturbante alla vista, poiche’ si riempiva di vescicole purulente che poi si aprivano e emettevano siero e sangue. Questo la obbligava a non andare in spiaggia (cosa che lei detestava) e a stare quindi buona parte della giornata da sola in campeggio.

In questo caso è chiaro che il disturbo fisico andava a manifestare quello che lei non aveva il coraggio di portare fuori con le parole.

Le allergie sono quindi legate a situazioni che non si accettano e che non riescono ad essere elaborate sul piano psicologico e che riecheggiano e risvegliano ricordi tristi ai quali non si da’ accesso e quindi non è neanche possibile staccarsene. Le allergie sono simboleggiate, a livello astrologico sull’asse Gemelli/Sagittario – e sono sempre legate a problemi di contatto e apertura verso il nuovo e il diverso – sono comunque sull’asse della comunicazione e, simbolicamente colpiscono organi che hanno a che fare con la relazione: pelle – polmoni – respirazione – alternando ora l’uno ora l’altro.

La condizione allergica di pelle impedisce agli altri di avvicinarsi, quindi “tiene a distanza”; la condizione allergica rinitica o asmatica, produce forte disagio nel soggetto che si trova a vivere con difficoltà il suo relazionarsi; infine, l’allergico può condizionare fino anche a tiranneggiare l’ambiente in cui vive, impedendo ad esempio che entrino animali, o particolari piante o fiori. E’ comunque sempre sintomo di un rapporto difficile con il proprio ambiente.

Questi piccoli esempi tendono semplicemente a dimostrare come la malattia abbia una sua precisa ragione e come il simbolo, interpretato opportunamente può essere di aiuto nel risolvere una questione prima rimasta inconscia.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010