mercoledì 21 ottobre 2020
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2020/2021
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
LA DIPENDENZA DA SOSTANZE STUPEFACENTI
 
La dipendenza da sostanze stupefacenti Indagare le cause delle dipendenze è essenzialmente compito della psicologia, tuttavia, vi sono anche altri “percorsi” che si interessano di comprendere questo tipo di esperienza.

Possiamo cominciare subito con il dire che si tratta di un’esperienza limite, qualcosa che è in grado di stravolgere e, spesso, di travolgere una vita e, per questo, è difficile da capire da chi non ne ha mai subito il fascino.

E’ chiaro che la tossicodipendenza traduce un “disagio profondo” che finisce per diventare un “attacco alla vita stessa” a cui la droga risponde in modo preciso attraverso una “fuga costante dalla realtà”, tuttavia, non possiamo soffermarci solamente su questo piano, giacche’ ci sono maestri spirituali che sostengono che anche le dipendenze, come ogni altra malattia, ha un suo lato positivo che dovrà essere trovato in modo da portare verso un apprendimento nuovo ed una crescita che, in fondo, è una ricerca “spirituale”.

Sappiamo che astrologicamente le dipendenze sono legate a Nettuno che, nel caso, offre il suo lato ombra anziché luce; per cui, se riusciamo a comprendere pienamente il suo simbolo, possiamo anche fare un minimo di chiarezza in più su questa patologia.

Nella dipendenza il soggetto tende a “perdere sé stesso e ad annullare i limiti del corpo e della mente”; in questa definizione troviamo una chiara connotazione Nettuniana: infatti, Nettuno cerca per tutta la vita di spingerci verso una dimensione allargata, in cui l’Io riconosca di appartenere a qualcosa di più grande ed entri in relazione questo “qualcosa”. Intendiamoci, il punto fondamentale da comprendere sta nel fatto che l’Io non si deve perdere, bensì deve “trascendere” i suoi confini penetrando nella dimensione del Se’.

Tra i simboli Nettuniani vi è sicuramente quello dell’affidamento: il punto da comprendere è “..a cosa dobbiamo affidarci”; certo, nel caso della tossicodipendenza l’affidamento è ad una sostanza e, sappiamo che non è certo questa la finalità di Nettuno. Tuttavia, la dipendenza insegna che, al di là del corpo, della mente e dell’Io esiste qualcosa che vuole manifestarsi e di cui bisogna farsi carico, qualcosa che “continua a chiamare” anche quando il corpo, la mente e l’Io sono in completo disarmo.

Sappiamo dalle esperienze di regressione guidata che molti “saggi” sono stati “dipendenti da droghe o da alcool” nelle vite immediatamente precedenti a quella attuale; lo stesso destino sembrerebbe accomunare molti artisti che, con la mente ancora intrisa di ricordi confusi, continuano a ricercare la “l’ispirazione e la visione” ricorrendo a sostanze in grado di aprire le porte della loro percezione.

Siamo a conoscenza che gli sciamani usavano e usano “sostanze” per poter accedere ad altri punti di percezione che non siano quelli razionali, o per intenderci, Mercuriali: ciò significa che certe sostanze, al di là dei loro effetti assuefativi che si evidenziano nell’utilizzo a lungo termine, permettono di entrare in “altri stati di coscienza” che lamaggior parte delle persone neppure può immaginare perché mai contatterà mai nella vita.

La neurologia e la fisiologia sintetizzano principi attivi con particolari potenzialità; essi servono a lenire il dolore oppure a produrre sonnolenza e sono fondamentali per sedare ed anestetizzare prima di procedere ad un intervento; le persone comuni conoscono conoscono bene l’effetto della febbre molto alta: essa è in grado di trasportare la mente in “altre dimensioni”, permettendo di vedere immagini e visioni a cui mai ha avuto accesso in precedenza.

Aldous Huxley che ha sperimentato su di sé l’effetto di alcune droge, tra le quali la mescalina, usa una parola interessante per definire ciò che percepiva quando era sotto il suo effetto: “essenza”; lui sostiene che si può percepire l’Essere della filosofia platonica, la Beatitudine, la Consapevolezza pura delle cose; riporta che finalmente poteva vedere il “non IO” liberato dal soffocante abbraccio dell’Io.

Ciò che risulta evidente ruota attorno ad una percezione centuplicata che permette di annullare il senso dello spazio tempo e quello di separazione tra il dentro e il fuori. C’è quindi la percezione della totalità, di un Tutto in cui le cose non sono separate e non vi è un inizio e una fine, ma solo un “eterno prsente”.

Non intendo certamente dilungarmi sulle proprietà delle varie sostanze stupefacenti (il nome stesso è interessate e lascia intendere “ meraviglie”), ma il mio interesse è rivolto a sottolineare che chi imbocca questa strada è comuque alla ricerca di qualcosa che non riesce a trovare quando la mente viaggia a regime normale.

In pratica, i tossicodipendenti trovano la loro essenza proprio quando annullano il loro corpo, quando hanno perso tutte le loro relazioni e non vi è più traccia della loro personalità, si sentono molto vicini al SE’ e avvertono la reale possibilità che lo “spirito possa essere liberato”.

Le parole stesse non lasciano spazio a dubbi; è di Nettuno che stiamo parlando ed è sempre quell’archetipo che desidera che tutti noi arriviamo all’essenza delle cose, smettendoci di perderci nelle false illusioni, ma tornando a contattare il nostro Se’ partecipando così alla grande armonia dell’universo.

Certo, Nettuno ci dice che ci sono strade migliori per raggiungere tutto ciò; si tratta di percorsi più nobili, e più sicuri che richiedono tempo e lavoro ma che permettono di raggiungere lo stesso risultato in totale consapevolezza e senza dover distruggere il corpo che è pur sempre il veicolo su cui siamo imbarcati per fare il nostro viaggio.

E’ fin troppo chiaro che la tossidipendenza è un modo molto negativo per arrivare a questo livello di esperienza, ma, se ci limitiamo a prendere in considerazione ciò che cerca il soggetto dipendente, allora possiamo dire che non è molto lontano dal Maestro Zen, dal Buddha o dal grande mistico che stanno anch’essi cercando come liberare lo spirito accedendo via via a stati di coscienza più elevati che consentano di vedere una realtà alternativa.

Gli studi dei vari psicologi che hanno sperimentato le droghe dimostrano come aprono la porta al conoscersi attraverso passaggi in stati di coscienza alterati e diversi: paradossamente è proprio abbandonando lo stato di coscienza ordinario che si accede ad una “visione assoluta” che permette una consapevolezzache va al di là della condizione di polarità in cui siamo relegati dalle leggi della materia e della realtà.

Gli allucinogeni, e in particolare l’eroina, i vari derivati dell’oppio, la mescalina, il peyote e l’ultimo ritrovato chimico moderno (l’extasy) hanno tutti alla base la capacità di aumentare il campo della percezione; amplificano il “sentire” e il “vedere” e conducono ad uno stato estatico, tipico degli stati profondi di meditazione.

La celebre astrologa americana Donna Cunningham, che lavora da tempo sulla guarigione karmica, sostiene che esiste un vero e proprio karma della dipendenza in cui si trovano le persone ( o le anime) che sono state sradicate dalla loro cultura in vite passate.

Essendo lei americana, ha osservato che la seconda generazione dei vari immigrati che sono giunti negli States ha generalmente un altissimo tasso di dipendenza. Un tempo era l’alcool e oggi è la droga, ma in ogni caso, la dipendenza, secondo lei, ha due scopi fondamentali:


  • mettere in evidenza il disagio e la difficoltà di integrazione che questi soggetti vivono non trovando più radici nella vecchia cultura, pur sentendosi ancora totalmente estranei alla nuova;


  • permettere un distacco molto più forte dalla situazione che si sta vivendo creando un ponte tra diverse culture.



Qualunque sia la verità animica, culturale o psicologica, è chiaro che chi diventa tossicodipendente è alla ricerca di qualcosa che non riesce a trovare nella vita ordinaria e nelle relazioni; tuttavia, spesso è mancante - data la giovane età – di un senso di struttura e di consapevolezza che permetterebbe di trovare lo stesso risultato seguendo la via spirituale che, è però molto più lunga, fatta di sacrificio, di pratica e di autodisciplina.

Possiamo quindi dire che la droga è un surrogato, un palliativo alla via spirituale, una sorta di scorciatoia che prendono coloro che desiderano un ritorno all’unità senza percorrere la giusta via.

Come a dire che per accedere a Nettuno, bisogna prima bere l’intero calice saturniano, struttura, maturità e responsabilità; in caso contrario, il vuoto Nettuniano viene solo illusoriamente riempito con sostanze che, pur essendo in grado di produrre effetti immediati e “stupefacenti”, portano con sé inevitabilmente il perfido seme della distruzione.
Nettuno ci ricorda ancora una volta che non la sua non è mai una via di “fuga”, ma un vero e proprio lavoro interiore in grado di produrre la completezza a cui noi tutti aspiriamo; indica un percorso di lavoro, di autonomia e di libertà personali conquistate uscendo e trascendendo i condizionamenti e le convenzioni, senza mai fuggire da ciò che non si sa in nessun modo sostenere.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010