sabato 20 luglio 2024
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2024/2025
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
LA PERDITA DELLA NONNA
 
La perdita della nonna Dalla biografia di Elisa
Cari amici, vi sembrerà insolita questa pubblicazione ma io la ritengo originale oltre che interessantissima.
Elisa è stata allieva della scuola, ragazza dolce, molto sensibile e piena di talento per la scrittura e la poesia, oltre che per il teatro. Ha scritto la sua autobiografia inserendo, ad ogni passaggio significativo, anche una nota sui suoi transiti.
Il risultato è eccezionale e spero offra spunti di riflessione anche per voi.

Transito di Saturno quadrato alla Luna

La prima pietra nel cerchio la misi a cinque anni. Forse anche prima di quella data avevo già cominciato a mettere tanti sassolini intorno al mio cuore, ma non in maniera cosciente , studiata, organizzata, meticolosa. Mia nonna materna, l’unica nonna che ho conosciuto, abitava nella porta accanto alla nostra, uscivo nel pianerottolo e c’era la sua porta, mi piaceva un sacco andare lì perché non era come allontanarsi troppo da casa, cosa che non mi piaceva poi tanto, ma era quel poco che mi faceva sentire sicura. Entravo nella sua casa felice, perché aveva una tavolo enorme di legno, che ricordo benissimo, ed aveva il puffo. Il puffo era l’enorme cuscino rosso che se ne stava nella camera in fondo come ad aspettarmi. Io vivevo per quel cuscino enorme, mi ci buttavo sopra, con la schiena, era come una sicurezza su cui cadere, mi piaceva lasciarmi andare sospesa nel vuoto e poi “bum” cadere sul morbido. Negli anni si è lentamente rotto più e più volte, ci sono toppe da tutte le parti. Mi ricordo un giorno mio padre che fu molto duro con me, davanti alla nonna mi fece promettere di non saltare piu’ sul puffo perché ormai era tutto rotto.
Io promisi ma non mantenni. Io sapevo che alla nonna non importava se io lo rompevo. Quando lei dormiva io andavo nella stanza nel puffo e facevo le verticali,e poi giu’ con la schiena all’indietro, sempre piu’ forte. Lei non si arrabbiava mai. In uno di quei giorni ignari e senza tempo cominciai ad accorgermi che la nonna stava a letto sempre piu’ spesso, ed io passavo troppo tempo nella stanza del puffo da sola. La sua ora del pisolino, cominciava a diventare le ore del pisolino. Non dicevo niente a nessuno da principio, ero abituata a non dire nulla a nessuno, perché avrei dovuto dire che la nonna stava più spesso a letto?
Ma lo vennero a sapere, e non mi lasciarono piu’ da sola nella casa con lei. Iniziarono a girare nella casa tante persone e nessuno fece piu’ caso a me e al puffo; io vedevo mio padre, mia madre, medici intorno al letto dove la nonna stava facendo solo il pisolino, perché si preuccupavano tanto? Aveva solo bisogno di dormire , io pensavo. Perché tutta questa confusione? Prima o poi si alzerà, si sarà riposata e tutto tornerà come prima.
Nessuno faceva caso a me e nessuno mi spiegava bene le cose; essere trattata come una bambina non era una cosa che a me piaceva, essere una bambina non vuol dire non essere in grado di capire, ma i grandi non lo sapevano, e mi dicevano frasi come “ E’ tutto a posto non ti preoccupare “ intervallati da discorsi tra di loro come “ E’ tumore, morirà”, che io sentivo. Un giorno mi avvicinai al letto della nonna, e vidi che non dormiva, mi guardava con gli occhi aperti, così spalancati che mi spaventai, le parlai con un filo di voce “ nonna, sono Anna, nonna”, lei mi guardava e non rispondeva. Fu quel giorno che capii qualcosa. Qualcosa che mi entrò nel sangue e mai piu’ mi si tolse. Lei se ne sarebbe andata via, ma questo non era il pensiero che più mi sconvolgeva, il pensiero che mi era entrato come un fulmine era che lei era già andata via da me, lei non era più con me e non mi aveva nemmeno avvertito.
Sentii quel giorno l’abbandono , lo strappo, immediato , violento, improvviso e non previsto. Perché non stava dormendo? Che faceva con gli occhi aperti? E perché non mi parlava? Aveva smesso di volermi bene. Anch’io avrei smesso di volergliene. Da subito. Perché avrebbe dovuto mancarmi in fondo? Che mai aveva fatto per me? Mi aveva insegnato a scrivere, si quel giorno me lo ricordo, io che volevo usare a tutti i costi la mano sinistra e lui che mi diceva, va bè non importa a scuola le maestre poi ti faranno provare anche la destra, guarda questa è la A, e me la disegnava grande e bella sul foglio, e questa è la B. Aveva una pazienza infinita con me, era lenta e calibrata, era il contrario della mamma ed io ero tranquilla quando stavo con lei, la mamma non era così paziente, dalla mamma io imparavo le cose perché la copiavo in tutto e per tutto per esserle vicina, dalla nonna invece imparavo perché me le insegnava. Ed era diverso. La nonna mi faceva vedere i cartoni animati e quando io ero in casa l’attenzione era tutta per me, a volte li guardava insieme a me. Ma comunque io pensavo che invece non mi sarebbe mancata per nulla, e se avessi cominciato ogni giorno a pensarlo , quando sarebbe morta io l’avrei pensato davvero, ci avrei creduto e sarei stata preparata alla sua assenza.
Ogni giorno io la guardavo da lontano con maggiore freddezza, non mi avvicinavo più al suo letto , né le stetti più vicina mentre la portavano all’ospedale o quando la riportarono a casa che ormai non si alzava più. Io non la conosco, pensavo, non so bene chi sia, non m’interessa, io senza di lei so stare benissimo, cosa mi serve in fondo?
Così quando la nonna morì, io non piansi. Fui molto orgogliosa di questo, mi ero preparata così bene alla prova, che non fui triste quando se ne andò. Non provai semplicemente niente, e mentre tutti parevano sconvolti e mamma piangeva ed era distrutta, io rimanevo tranquilla. Anche perché forse se avessi pianto, qualcuno sarebbe giunto ad asciugare le mie lacrime? Ognuno era comunque troppo impegnato a pensare al suo di dolore, che per me rimaneva poco spazio così nel dubbio non piansi proprio per niente e non rischiai nemmeno che qualcuno non mi consolasse, e poi era bello essere forti, in mezzo a quel mare di caos io ero così orgogliosa del mio trucco, del mio essermi preparata in anticipo che mentre tutti piangevano io ero felice, e ridevo.
Fu in quel periodo che la prima pietra andò a posizionarsi nel mio cuore, una pietra così a lungo corteggiata e desiderata che il suo peso non venne nemmeno avvertito ma andò a miscelarsi perfettamente con tutto il resto della mia persona , fino a non avvertirla nemmeno più come un corpo estraneo.

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010