mercoledì 21 ottobre 2020
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2020/2021
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Allison Bersani 
PERSEFONE: LA DANZA DELLA VITA TRA LUCE ED OMBRA
 
Persefone: la danza della vita tra luce ed ombra
Il mito di Persefone inizia con la dea, nelle sue vesti di giovinetta, di Kore, “fanciulla senza nome”, che, spensierata, gioca e saltella con le amiche su un prato, cogliendone i fiori.
E' l'immagine della giovinezza, dell'innocenza, della totale apertura verso l'esistenza, senza paure e senza filtri, perché la vita è un mistero ancora tutto da scoprire.
Persefone, al principio del mito, rispecchia l'archetipo della Puella, il corrispondente femminile del Puer che, astrologicamente, possiamo legare al pianeta Mercurio e al segno dei Gemelli.
Si tratta di un archetipo profondamente legato all'elemento Aria, al mondo delle idee, delle potenzialità, del gioco, dove tutto è possibile.
Il Puer, come la Puella, si muove nella realtà con quella fiducia, quella ricettività, quello stupore tipici della gioventù e dell'inesperienza, per questo lo troviamo spesso legato a delle figure adulte che lo guidano e lo proteggono.
Nel caso di Persefone questa figura adulta è rappresentata dalla madre Demetra, dea delle messi, della fertilità, del nutrimento, che presiede all'abbondanza dei raccolti. Una dea dunque intimamente collegata alla Terra che si potrebbe associare al segno del Toro, di cui manifesta però anche la terribile ombra divorante.
Il rapporto tra Demetra e Persefone è infatti una rapporto esclusivo, simbiotico, che non permette alla giovane fanciulla di crescere e differenziarsi poiché anche la figura paterna, quel maschile che dovrebbe aiutare la figlia a recidere il cordone ombelicale ed avventurarsi nella realtà del mondo, è costituito dall'incostante Zeus, sempre alla ricerca di nuove avventure e relazioni occasionali, ben poco incline dunque a fungere da padre.
L'incontro con questo maschile a lungo negato si presenta allora in una forma terrificante, come tutto ciò che per lungo tempo è stato represso e, all'improvviso, esplode alla coscienza: è Ade, dio degli inferi, che prorompe dalla terra e con il suo carro rapisce la fanciulla, trascinandola giù nel suo oscuro regno, territorio dello Scorpione e del pianeta Plutone.
Secondo alcune versioni del mito, sarebbe stata Afrodite ad architettare questo rapimento: la dea dell'amore era infatti stanca di vedere Persefone sempre tanto pura ed innocente, così avrebbe chiesto al figlio Eros di colpire il dio degli inferi con una freccia, in modo da farlo innamorare della giovane e permettere a Persefone di entrare in contatto con quell'ombra a lungo dimenticata, perché solo imparando a conoscere le nostre tenebre possiamo diventare veramente adulti e padroni di noi stessi.
E Persefone, anche se forse non ne è completamente consapevole, desidera staccarsi dalla madre e diventare una creatura distinta ed autonoma, infatti la terra si spalanca sotto ai suoi piedi, facendo emergere il carro di Ade, perché è lei stessa, con un atto di volontà, a cogliere il fiore che il dio le ha inviato in dono. Persefone è attratta dal fiore, dal narciso, che Ade le ha mandato perché in lei ha già iniziato a maturare una nuova consapevolezza, che ha però bisogno di entrare in contatto con l'oscurità per giungere a compimento.
Il viaggio nel regno degli inferi non si presenta certamente piacevole, è un viaggio doloroso e spaventoso, come quello a cui ci costringe Ade-Plutone ogni volta che, nei suoi transiti, tocca un pianeta della nostra carta del cielo. E' il momento in cui l'esistenza sembra obbligarci ad entrare in contatto con la nostra oscurità, con ciò che abbiamo cercato di celare dentro di noi, ciò che abbiamo represso, le nostre paure, i nostri blocchi, le nostre ossessioni, i nostri bisogni più profondi e antichi. E' il momento in cui non possiamo più nasconderci a noi stessi, è il momento di togliere la maschera ed immergerci in tutto quello che più temiamo.
Discendere nel regno di Ade significa entrare in contatto con quelle forze arcaiche ed invisibili che giacciono nel nostro profondo, forze che possono anche terrorizzare ma di cui è necessario diventare coscienti, accogliendole dentro di noi per poi padroneggiarle, perché solo così possiamo diventare consapevoli e liberi. E' infatti nel regno di Ade che la giovane Kore diviene Persefone, non più semplice fanciulla ma donna, differenziata dalla madre, consorte di Ade e capace di attingere all'invisibile ricchezza del suo regno... senza però dimenticare la luce da cui proviene.
La dea infatti acconsente poi a tornare nel mondo luminoso della madre Demetra, che

disperatamente l'ha cercata durante la sua permanenza nel regno sotterraneo, non prima di aver però mangiato alcuni chicchi di melograno offertile da Ade, che suggellano un segreto patto con lui: d'ora in avanti infatti la dea trascorrerà i due terzi dell'anno con la madre Demetra, ma per il rimanente del tempo dovrà ridiscendere nel regno ctonio.
La dea non effettua quindi una scelta netta, non opta per il regno dei vivi a discapito di quello dell'ombra, o viceversa, ma li accoglie entrambi.
Il mito di Persefone ci insegna così come luce ed ombra non siano in antitesi, ma rappresentino piuttosto i due lati di una stessa medaglia, le due facce del nostro essere che non devono porsi tra loro in conflitto, ma devono imparare a comunicare ed integrarsi, bevendo reciprocamente l'una alla fonte dell'altra.
Persefone ci invita dunque a danzare lungo il cammino della vita, attraversando le zone luminose come quelle oscure, perché nessuna esperienza deve essere respinta, ma abbracciata e compresa nel suo intimo significat

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010