martedì 25 aprile 2017
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2017/2018
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 
A SCUOLA DI ASTROLOGIA - Il Progetto del Sole in CAPRICORNO
 

I simboli che si legano a questo segno sono tutti improntati sulla sofferenza e sulla costrizione. Il Capricorno porta con sé qualcosa di privativo, un senso di rinuncia che deriva dal suo pianeta Saturno, che rappresenta tutti i limiti che pone la realtà materiale a cui il segno deve sottostare; quelli che l’individuo sperimenta nel tentativo di farsi un’esperienza personale appoggiandosi sulle sue sole forze.

Nel Capricorno non esiste uno spirito missionario e caritatevole, per cui non è per bontà o per pietà che avviene la rinuncia, ma parte dal senso del dovere e dell’obbligo morale con cui deve necessariamente fare i conti.

Questo segno ha il difficilissimo compito di fronteggiare il morbido ed avvolgente Cancro (che rappresenta l’Es, quanto di più gratificante l’individuo possa sperimentare in termini di dolcezza e di protezione materna), per andare ad occupare il suo posto nel mondo del logos, simbolo del padre e del principio maschile, che giunge solo dopo aver operato una frattura con il mondo dell’Eros.

Per svolgere il suo compito, che consiste nel raggiungere un’indipendenza ed una autonomia personale, il Capricorno si serve della sua struttura forte e distaccata ed opera una rinuncia potente prima alla protezione, poi all’emotività ed infine all’affettività, costringendosi gradualmente a quello che la psicologia chiama “il tradimento”, ovvero il voltare le spalle a tutto ciò che ci è stato dato come valori, leggi e regole collettive, per coltivare la propria individualità unica condizione per non “tradire se stessi”.

Il glifo stesso del segno è una capra con una coda di pesce, simbolo di una natura istintiva e potente che non può affiorare, ma che tuttavia crea impaccio ad un animale che deve arrampicarsi sulle montagne.

La psicologia più comune ai nativi è quello del capro espiatorio: molti associano questo segno alla figura di Cristo (del resto anche la sua presunta nascita va sotto questo segno); il Cristo è l’immagine di colui che deve sacrificarsi per la gloria del proprio Padre e per la redenzione del mondo.

Il tema del padre a cui il figlio deve umiliarsi è molto presente in questo segno, in cui Saturno pone l’accento sui concetti di autorità, di disciplina e di merito.

Sicuramente al Capricorno non spetta la parte migliore dello Zodiaco, ed infatti sono rari i nativi che riescono a realizzarsi nella prima parte della vita, proprio perché troppo spesso hanno dovuto difendersi dalle circostanze esterne, da dover poi impiegare anni a smontare i meccanismi difensivi nei quali restano a lungo intrappolati.

E’ il classico tema della Croce, in cui la materia imprigiona lo spirito, e del Cristo, che deve lasciar morire la sua parte umana per poter far nascere la sua parte spirituale.

Il compito più difficile del Capricorno sta nel liberarsi da una struttura imprigionante, affinché possa iniziare il suo cammino di liberazione della natura interiore.

Il mito che più rappresenta questo segno è quello di Azazel, un Dio ebraico che si affianca originariamente a Jahweh. Azazel impersona il capro espiatorio ed è costretto ad addossarsi tutte le colpe che il popolo di Israele ha commesso nel trasgredire alle leggi di Jahweh, dopo di che deve andare ramingo per il deserto con il suo carico di disperazione.

Il simbolismo del deserto è sempre presente in questi miti capricorniani; esiste anche nel Crono greco, costretto a scendere nel Tartaro; entrambi questi luoghi rappresentano una sorta di errare vagabondo prima che si riesca a contattare la vita, gli scopi e l’essenza.

Solo quando si sono attraversati questi luoghi, che rappresentano l’ombra personale, si riuscirà a smantellare la struttura tirannica e giudicante su cui si è forgiata l’identità.

Sarà proprio questa esperienza a renderlo duttile, ad insegnargli a valorizzare la vita ed a fargli credere che il sole al mattino sorge anche per lui.

Psicologicamente il Capricorno diventerà forte, ma questa forza dovrà cercarla e coltivarla a lungo, poiché la sua natura lo ha portato a doversi difendere da situazioni difficili nell’infanzia, attraverso l’erigere muri e barriere per poter nascondere ciò che non poteva sopportare. Questo fa sì che l’IO non riesca a strutturarsi con naturalezza, ma al suo posto si struttura la maschera esterna, che diventa rigida ed intollerante, e finisce con l’imprigionare l’Io che diventa vittima di un Super Io tirannico ed inflessibile, che nulla concede a sé ed agli altri.

Il Capricorno è un segno che, contrariamente a quanto si pensa comunemente, matura tardi, proprio perché fa molta fatica a contattare la sua debolezza; il simbolo delle ginocchia rappresenta proprio il fatto che prima deve inginocchiarsi per potersi ergere in piedi, proprio come il bambino, prima di poter camminare con due gambe, deve camminare con quattro.

La ferita originaria che ogni Capricorno chiude gelosamente all’interno dovrà riaprirsi, permettendo al dolore di riemergere e di lasciar crescere l’IO bambino a suo tempo mortificato e bloccato


a cura di Lidia Fassio
Vai alla pagina dell'autore

 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010