mercoledì 21 ottobre 2020
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia
 

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2020/2021
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
 

LE RUBRICHE DI ERIDANOSCHOOL - Astrologia e dintorni a cura di Lidia Fassio

RUBRICHE DI ASTROLOGIA

a cura di Lidia Fassio 
DEPRESSIONE OVVERO TROPPI NEURONI?
 
Depressione ovvero troppi neuroni? E’ di questi giorni la pubblicazione di uno studio dell’Università del Texas che teorizza che l’origine della depressione sia da individuarsi in un problema di tipo neuronale; lo studio sostiene infatti che i grandi depressi sembrano avere una maggior concentrazione di neuroni nella zona del talamo.

Questa notizia è sicuramente interessante e, per noi, che possiamo avvalerci di uno strumento che utilizza il simbolo, può essere assunta come uno spunto di riflessione.

Per prima cosa è molto interessante il fatto che più si sta sviluppando la teoria olistica da un lato e più, sotto il profilo della scienza, si va verso la tendenza a ricercare e concentrare i vari problemi con cui l’uomo si confronta, esclusivamente sul piano fisiologico e funzionale, cercando successivamente di risolverli e curarli attraverso una serie di prodotti i somministrati sotto forma di “pillole” che, se temporaneamente permettono di vivere meglio, non sono quasi mai la soluzione vera al problema che è quello della “guarigione” che comporta un lavoro personale su un contenuto non compreso e, come tale, separato dal piano dell’unità psicofisica.

Sicuramente la notizia è interessante proprio per il fatto che queste persone sembrano avere il 30% circa in più di neuroni nel talamo e, tra l’altro, anche di dimensioni maggiori rispetto alla norma. Tutto questo ci fa pensare che in realtà.. questi neuroni in sovraccarico, forse dovrebbero avere uno scopo preciso e quindi non essere lì casualmente il che, forse, non avrebbero il solo scopo di produrre “depressione” ma che, potrebbero diventarne la causa nel momento in cui non venissero utilizzati in altro modo. (?) E’ una ipotesi .. e non vuole essere una verità.

Infatti, il talamo è una piccola zona del tronco cerebrale che ha il compito di smistare i messaggi in arrivo e in partenza dalle altre zone encefaliche che svolge però anche importanti funzioni di controllo sulla pressione sanguigna e sulla respirazione, adeguandole costantemente alle necessità fisiologiche della persona.

A questo punto, servendoci del simbolo astrologico, possiamo fare alcune ipotesi: la depressione è.. come dice la parola stessa una “de… pressione”, ovvero uno scollegamento sicuro dalla propria “pressione interna e magari anche dalla propria libertà” che, possiamo ben vedere in dinamiche particolari tra Giove Marte Saturno e Plutone.. (tutte potenzialità – che tra le altre cose – possono anche segnalare la possibilità di poter cadere in una depressione, nell’arco della vita).

Potremmo allora ipotizzare che, forse, queste persone nascono con un grande potenziale che dovrebbe essere compreso, elaborato, sviluppato ed espresso all’esterno e che, per motivazioni diverse, che possono andare dall’ambiente familiare, a proprie difficoltà di crescita e di elaborazione, non riescono poi a mettere a frutto questa possibilità che, ovviamente per potersi esprimere, dovrebbe trovare canali che possono andare dalla creatività all’arte, all’insegnamento o forse attraverso vere e proprie capacità di gestire e di essere messaggeri di qualcosa di più grande di quanto poi in realtà non riescano a permettersi; nel caso, il sistema potrebbe anche andare in “implosione anziché in espressione” e, nel tempo, queste difficoltà potrebbero sfociare in un sintomo quale quello della depressione, che sul piano psicosomatico, può simboleggiare molto bene lo scollegamento dalla vita e dalla creatività.. e, dalla possibilità di espressione vera di sé.

Lo studio in questione prosegue sostenendo che, di conseguenza, non c’entrerebbero nulla lo stress e le preoccupazioni che fino ad oggi sono stati individuati come causa primaria di questa malattia ma si tratterebbe invece di un problema fisiologico.. o al massimo di una degenerazione; tuttavia, anche in questo caso, non possiamo non prendere in considerazione il fatto che il nostro sistema psicosomatico, potrebbe anche non apprezzare il fatto che molte sue qualità restino inutilizzate e potrebbe considerare questo come un gravissimo stress in grado di creare disordine e dis-adattamento nella persona.

Un altro appunto viene fatto dagli scienziati che affermano nello studio che, alla luce di queste osservazioni, la malattia non potrebbe più essere considerata come “sociale” e quindi frutto del “nostro tempo”.

In realtà.. se così fosse, forse potrebbe invece veramente l’espressione del problema del “nostro tempo” .. in cui, per essere meglio strutturati a fare i grandi passaggi evolutivi e psicologici che ci sono richiesti, molte persone potrebbero già nascere con un bagaglio di potenzialità molto più sofisticato di altri.. e, forse, proprio queste - che potrebbero essere i veri precursori di una nuova era - potrebbero pagare anche lo scotto che tutte le avanguardie si trovano ad affrontare allorchè cercano di portare fuori un potenziale innato in contesti non ancora perfettamente pronti ad accoglierlo.

Tra l’altro, potrebbe esserci anche la lettura di particolari traumi infantili legati alla difficoltà di decodificare certi messaggi che, a quel punto, proprio nel talamo verrebbero ad ingorgarsi e a non essere smistati in forma corretta rendendo quindi difficile la loro elaborazione su un piano psicologico che, a quel punto, non consentirebbe più l’espressione di quanto invece stava nelle loro potenzialità.


 
 
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010