giovedì 21 giugno 2018
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2018/2019
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
ERIDANOSCHOOL - IL FATTO DEL GIORNO
 
"In questa sezione Lidia Fassio farà dei piccoli commenti su ciò che accade nel mondo; il tutto sarà commentato astrologicamente".
 
17/02/2009
INTERVISTA A LIDIA FASSIO
Intervista di Francesco Faraoni a Lidia Fassio per il sito www.astramentis.it - 16 febbraio 2009.




Lidia Fassio è astrologa da oltre trent'anni. Allieva di
Lisa Morpurgo, appassionata di psicologia, simbolismo,
mitologia e medicina psicosomatica, è ideatrice e
sostenitrice dell'Astrologia Umanistica che insegna e
divulga presso la sua scuola Eridiano School. Interviene in
numerose riviste specializzate, partecipa a seminari e
conferenze d'astrologia, è stata moderatrice della mailing list
Convivio Astrologico. La redazione di astramentis vuole
affrontare con Lidia alcune questioni riguardanti
l'Astrologia nella sua forma di conoscenza e dottrina, e
alcuni temi di attualità di questi giorni dal punto di
vista astrologico.



DOMANDA - Lidia, l'astrologia da come veniva divulgata ai
tempi di Claudio Tolomeo nel Tetrabiblos agli ultimi testi
di quest'epoca moderna di Lisa Morpurgo ha subito notevoli
evoluzioni. Da una astrologia delle previsioni si sta
passando, marcatamente, ad una astrologia della psiche e
della conoscenza. È quindi possibile dire che l'Astrologia
è una dottrina e una conoscenza che appartiene non al
cielo ma alla sensibilità interiore dell'individuo e
quindi alla sua capacità di usare i simboli astrologici
come fonte di conoscenza e come viaggio iniziatico e
introspettivo?



RISPOSTA: Certo, direi proprio che l’Astrologia oggi può essere utilizzata alla stregua di un vero e proprio “test proiettivo” per comprendere bene una personalità con tutte le sue potenzialità ed i suoi eventuali blocchi e difficoltà.

A mio avviso è un grande cammino di conoscenza (in quanto racchiude in sé un vero e proprio codice universale di lettura del rapporto tra il macrocosmo e il microcosmo e, sul piano individuale tra potenzialità intrinseche e ambiente) e, proprio per questo può aiutarci a conoscerci sul piano individuale e a sentirci partecipi di questa grande intierezza.



DOMANDA - Le accuse che vengono mosse da alcune associazioni
sono sempre le stesse dai tempi dell'illuminismo:
l'astrologia parla di cialtronerie prive di razionalità
perché crede nell'influenza dei corpi celesti. Su questa
affermazione è possibile riflettere a lungo, ad esempio
rispondendo che i due luminari hanno influenza sulla vita e
sulle cose che riguardano gli esseri viventi (vedi l'alta e
la bassa marea che causa la Luna o vedi l'influenza delle
tempeste solari sulla tecnologia....). Insomma i pianeti
scientificamente possono influenzare attraverso i loro campi
magnetici le "cose" umane. Ma l'accusa è ovviamente
diversa, si ritiene che gli astrologi siano superstiziosi e
che credono a qualcosa di inesistente. Ci si dimentica,
però, che esiste una astrologia che pone al centro del suo
sistema l'uomo, possiamo dire un'astrologia antropocentrica,
basata molto sui concetti junghiani di sincronicità, di
inconscio individuale e collettivo. Se l'astrologia viene
giudicata in questo modo, ti sei mai chiesta perché, ad
esempio, nessuno osa mettere in dubbio la fondatezza della
psicanalisi visto che l'inconscio collettivo e individuale
non è mai stato dimostrato empiricamente? Forse queste
accuse all'astrologia sono basate solo su pregiudizi dettati
dall'ignoranza? O forse da una caccia alle streghe?



RISPOSTA: In effetti l’Astrologia non è certo legata ad una legge di causa-effetto ma piuttosto a quella di sincronicità e di analogia (il famoso “come sopra, così sotto” degli antichi) e, sicuramente, è stata la prima forma di psicologia della storia. Indubbiamente oggi – a mio avviso – ha perso molto sul piano della previsione in quanto, l’uomo, con la conoscenza dell’inconscio, si sta avvicinando di più ai suoi archetipi interiori ed è maggiormente in grado di viverli al suo interno senza doverli proiettare fuori e, per questo, comincia ad essere “meno determinato” dalla sua inconsapevolezza.

Solo gli astronomi continuano a dire che l’Astrologia è inconsistente in quanto si basa sulle influenze planetarie; tuttavia, nessun astrologo si sognerebbe di parlare di “influenze”; tutti hanno capito che uomo è una sorta di “ologramma” che riflette e porta dentro di sé la totalità; inoltre, oggi anche le pietre sanno che i pianeti “riflettono” ciò che abbiamo dentro e non “causano” certo il nostro destino.



Rispetto alla psicanalisi ti devo dire che ci sono fior fior di scuole di “psicologia moderna e sperimentale” che non riconoscono affatto la psicanalisi: come vedi, non è che in questo campo i problemi sono risolti.

La così detta “psicologia scientifica” (mi domando che cosa significa) non la riconosce e non sa cosa significano le parole “Io - Sé e Super Io” ; tuttavia è arduo pensare alla psiche come ad un qualcosa che si può quantificare, misurare e denominare.. “Psiche” vuol dire ANIMA, SOFFIO VITALE e la psicologia di questo si dovrebbe occupare e non certo del cervello, dei neuroni e dei neurotrasmettitori, per questo ci sono già la psichiatria e le neuroscienze ma non la psicologia che dovrebbe restare rigorosamente confinata all’interno delle discipline umanistiche che si occupano dell’unicità dell’uomo e non tra quelle scientifiche.



Come vedi tra cent'anni l'Astrologia? Sarà insegnata alle
università in un indirizzo umanistico? Tornerà utile
nella psicanalisi? O sarà proibita o forse accantonata per
sempre?



RISPOSTA:

Caro Francesco, tra cent’anni spero che l’Astrologia avrà il posto che si merita tra le discipline umanistiche che si occupano della conoscenza dell’uomo e della sua psiche; i problemi sono molto più legati all’oggi e a questa così detta mentalità scientifica che vuole dettare i parametri della veridicità e della onorabilità di tutto. Come se avessero valore solo le scienze esatte!! E allora, che ne facciamo della Filosofia, della Teologia, della Letteratura, della Mitologia: buttiamo tutto nella pattumiera?



Tra cent’anni spero che l’uomo abbia ritrovato un po’ della sua ANIMA e che senta molto di più il contatto con l’Universale e con ciò di cui è parte. Credo anche che un percorso di questo tipo possa aiutare l’umanità a traghettarsi fuori da questo ciclo di “utilizzo” di tutto; l’Astrologia è una vera e propria Filosofia di vita che richiede congruenza ai suoi principi. Non è solo una materia che si può apprendere: deve essere assimilata per poi essere – applicata – alla propria vita.

L’Astrologia spiega come “dovrebbero essere le cose, i sistemi, le società” e dà delle indicazioni precise delle modalità di sviluppo, di crescita e di trasformazione di tutto ciò che ci circonda; in modo più individuale può consentire all’uomo di comprendere il suo “progetto di vita”, di capire come può utilizzare il suo potenziale in modo da autorealizzarsi superando, giorno dopo giorno, le difficoltà che sono legate all’inconsapevolezza e all’ incapacità di integrare al meglio le energie che sono in gioco.

Ovviamente, la chiave di tutto è la “conoscenza di sé” che libera pian piano dai condizionamenti sociali e familiari ricevuti e spinge ad esercitare la volontà personale per scegliere e, di conseguenza, esercitare al meglio il libero arbitrio.



DOMANDA - Lidia parliamo un attimo di alcune questioni di attualità.
La crisi economica mondiale ha colpito tutta l'umanità nel
momento in cui Plutone dal segno del Sagittario è entrato
nel segno del Capricorno. Già Haydn Paul nel suo testo
"PLUTONE" aveva annunciato vent'anni fa questa
eventualità: secondo l'astrologo alcuni sistemi politici
ed economici ortodossi sarebbero stati messi in discussione
da Plutone in Capricorno per arrivare ad un rinnovamento
globale necessario per preparare il mondo ad una nuova
civiltà che, sempre secondo l'astrologo, sorgerà durante
Plutone in Capricorno, poserà i suoi semi in Plutone in
Acquario e metterà radice con Plutone in Pesci. Sempre
Haydn Paul ha ipotizzato che con l'attuale transito di
Plutone in Capricorno potrebbe essere costituito un nuovo
governo mondiale e infatti già si parla di "Stati Uniti
d'Europa", progetto forse realizzabile nei prossimi anni.
Insomma, quanto l'umanità deve temere questo Plutone in
Capricorno, che sembra portarci rivoluzioni globali nella
profondità del nostro modo di vivere, o quanto dobbiamo
essere lieti di queste trasformazioni in corso? Quanto
secondo te questo Plutone inciderà sull'inconscio
collettivo?



RISPOSTA: Personalmente vedo sempre i transiti – soprattutto quelli dei pianeti lenti – come grandi opportunità di cambiamento e di ristrutturazione, tuttavia penso anche che debbano essere “colti” in modo da non doverli subire ma da poterli agire mettendo a frutto una maggior consapevolezza circa quelli che sono i loro suggerimenti, o meglio i suggerimenti che giungono dai grandi principi universali.
Senza dubbio il transito di Plutone in Capricorno lavorerà a lungo sul tema del “potere” e di come esso viene utilizzato soprattutto dagli stati e da chi lo detiene. Credo anche che sarà destinato alla nemesi tutto ciò che è fittizio e falso e che non risponde a motivazioni autentiche che siano in linea con valori profondi; spero di cuore che ci saranno veramente trasformazioni sia nell’utilizzo delle risorse del nostro pianeta; sia nella redistribuzione delle stesse il che è auspicabile per parlare veramente di senso di cooperazione unico che ridarà sicurezza e stabilità al pianeta; non so dire se tutto ciò avverrà in maniera soft.. ciò che si vede giorno dopo giorno sembra dire che non sarà così.

Indubbiamente Plutone inciderà tantissimo sull’inconscio collettivo ed è proprio questo che mi preoccupa perché non sarà facile far passare le cose dall’inconscio alla coscienza. Credo che se non torniamo un minimo ai valori morali e alla responsabilità come vuole il Capricorno, nonché ad un farsi carico di ciò che abbiamo prodotto negli ultimi 50 anni, la situazione non sarà facile e le grandi ombre individuali caricheranno quelle collettive che, di conseguenza, potrebbero eruttare in qualunque momento del tutto al di fuori dalla capacità di riconoscere quanta parte abbiamo avuto nel farle esplodere.



DOMANDA - Lidia, in Italia in questi ultimi mesi è stata centrale la
questione vita e morte, tema molto delicato e quasi sempre
esorcizzato dall'umanità forse per paura di un evento,
quello della morte, avvolto nel mistero e affidato
esclusivamente alla spiritualità e alla fede o non fede di
ogni individuo. L'astrologia può aiutarci a capire la vita
e la morte come processi di evoluzione e di iniziazione?
L'astrologia cosa ci dice della morte o che risposte può
darci?



RISPOSTA: Sicuramente questi grandi temi etici stanno venendo alla luce in tutto il mondo in quanto i pianeti lenti negli ultimi tre segni portano in superficie le enormi possibilità che il progresso sta creando giorno dopo giorno che, tuttavia, non sono facili da gestire, almeno non sul piano legislativo.

Credo che molto di ciò che vediamo oggi interessi piuttosto il grande tema delle “libertà individuali” che, a mio avviso dovranno essere rispettate evitando a chiunque di imporre il proprio modo di pensare ad altri. La vita e la morte sono temi che riguardano soprattutto la morale personale, almeno quando si tratta di scegliere l’una o l’altra per sé stessi.

Credo che ci vorrebbero delle direttive che possano andare in tal senso; credo che serva una legge che preveda un testamento biologico, ma soprattutto la sicurezza che questo verrà fatto rispettare in quanto, oggi ci sono difficoltà enormi in questo senso.. come si vede nell’annosa situazioni dei trapianti e nella possibilità di espianto in chi non ha lasciato testamento.



Mi spaventa però un po’ il tema della vita nella sua essenza.. ovvero del fatto che essa andrebbe rispettata in ogni sua forma (animale, vegetale ed umana).. mentre invece mi sembra che oggi la vita conti come il due di picche.. e che, di conseguenza, possa essere maltrattata, disonorata, tradita ed uccisa.

La presenza di Plutone in Capricorno, di Saturno in Bilancia e di Urano in Ariete (prossimamente) non lascia ben sperare a favore delle energie femminili che, in ultima analisi, rappresentano il rispetto della vita in quanto tale. Mi sembra che negli ultimi anni la cultura della morte abbia spesso il sopravvento.. e questo non è di buon auspicio per il futuro.



DOMANDA - Lidia, tu sei sostenitrice dell'introduzione di un Ordine
Professionale per l'astrologia dove attraverso una serie di
linee guida e di premesse etiche, solo alcuni possono
utilizzare l'astrologia come strumento di "diagnosi
spirituale" ad esempio seguendo degli studi precisi,
superando degli esami e delle verifiche riconosciute. Si
arriverà verso questa soluzione?



RISPOSTA: Mi fai una domanda che mi mette fortemente in crisi; in effetti ho un atteggiamento molto ambivalente nei confronti degli “Albi professionali” anche perché - in genere - diventano veri e propri centri di potere che, oltre a non vigilare affatto sull’operato dei loro iscritti, costano un sacco di soldi, non fanno il loro mestiere e difendono solamente il “territorio di lavoro” da intrusioni e quindi mi sembrano più corporativismi che altro; per tutto questo direi di no ad un ulteriore “Albo”; dall’altra parte comprendo perfettamente che questo potrebbe rispondere all’esigenza di garantire che chi fa questa professione abbia titolo per farlo e risponda ad alcuni comportamenti deontologici ed etici, anche se a mio avviso, l’etica riguarda la persona e non viene garantita da un albo.



Sono fautrice della terza via, attualmente impraticabile, che è quella di avere invece una scuola seria (e qui non ci sono problemi) che sia riconosciuta a livello pubblico perché solo in questo modo potrebbe dare assicurazioni circa la preparazione degli allievi che da essa vengono formati: sicuramente questa strada sarebbe molto meglio di un nuovo ALBO PROFESSIONALE, ma in Italia, almeno per il momento è totalmente utopistica e quindi, l’Albo potrebbe essere una possibilità intermedia, sperando che non diventi quella definitiva e soprattutto che non resti “la sola possibile”.


Sono un’uraniana e mi sento un po’ anarchica rispetto a tutto ciò che imbriglia e che richiede sempre nuove strutture che gestiscono e che poi, inevitabilmente, tendono a formare centri di potere (proprio ciò di cui non abbiamo bisogno); non mi piace tutto ciò che è espressione della sesta casa e mai di quelle superiori che dovrebbero riflettere ben altre cose e ben altre possibilità.



Confido però - come sempre - nella speranza, l’unica virtu’ che non è fuoriuscita dal vaso di Pandora.



Un caro saluto a tutti. Lidia Fassio


 
06/02/2009
IL CASO DI ELUANA
Cari amici,


perdonatemi lo sfogo ma sono decisamente sconcertata per ciò che sta succedendo attorno a questo caso. Mi sembra veramente che tutti stiano approfittando questa situazione per sostenere le proprie teorie cercando però di ricavare consensi vuoi politici o vuoi religiosi da ciò che sta accadendo.



Mi chiedo in questo caso perché non si possano chiudere le telecamere e lasciare che la situazione resti confinata in quel doveroso spazio privato in cui il dolore si nutra del silenzio di cui ha bisogno per far spazio alla compassione. Credo che nessun estraneo – soprattutto in questo momento in cui c’è un vuoto legislativo – possa essere così presuntuoso da dire anzi urlare pubblicamente la sua opinione comportandosi come se si trattasse di “filosofia spicciola” o di scegliere se comprare pomodori o peperoni per cena dimenticandosi che dietro c’è una ragazza, una madre ed un padre che si trovano nel momento peggiore della loro vita, di quella vita già spezzata tanti anni fa con l’incidente. Persone che per anni non hanno fatto scalpore sopportando una situazione che nessuno potrà mai capire minimamente completamente anche perché, per comprenderla, bisognerebbe viverla, e questo non è certo augurabile.



Mi domando perché non possiamo rispettare queste persone e spostare la discussione che dovrà essere fatta prima di promulgare una legge in proposito a quando gli echi si saranno sedati e a quando il silenzio avrà finalmente avuto la meglio su questo fragore.



Ho avuto flash terribili in questi giorni, sogni di sciacalli che, noncuranti del rispetto che ognuno deve avere per il dolore altrui, urlano in tutte le trasmissioni come se fossero diventati bocche di verità.



Penso che il tema della vita e della morte sia importantissimo ma che, proprio per questo debba comunque appartenere per buona parte alla sfera della coscienza individuale giacchè ognuno di noi ha un personale punto di vista che deriva dai suoi valori e dalla sua filosofia di vita che, difficilmente, può pensare che diventi universale.



Spero che tutti possiamo provare la compassione che Eluana merita al di là dei torti e delle ragioni, del giusto e dello sbagliato.



Lidia



 
20/01/2009
OBAMA HA GIURATO ED È IL 44° PRESIDENTE DEGLI STATES


Martedì 20 gennaio alle ore 12,05 ora di Washington, il nuovo presidente ha giurato davanti a duemilioni di persone in un’atmosfera molto particolare, subito dopo aver ascoltato Aretha Franklin.



Dopo il giuramento Barack Obama ha tenuto a braccio il discorso di insediamento che ha toccato le coscienze dei presenti su molti punti importanti non solo per gli americani ma per tutto il mondo.


Ha iniziato ringraziando chi ha creduto in lui e nella possibilità di cambiamento e poi è passato a parlare dell’importanza delle radici e dei grandi valori che hanno lasciato i padri fondatori dell’America non solo nella carta ma nei cuori; ha continuato promettendo di non perdere di vista quei valori anche in caso di grandi difficoltà; ha sottolineato la grandezza dell’America e il suo desiderio di riportarla ad essere una nazione di cui tutti possano essere orgogliosi, illuminante ed illuminata in grado di essere un faro per tutti coloro che nel mondo perseguono gli ideali di pace e libertà; ha ricordato che ciò che fa felice un uomo sta nel fare qualcosa per gli altri e per qualcosa di più grande di sé; ha chiesto parecchie volte a Dio di aiutarlo nel suo mandato; ha sottolineato il bisogno di ritornare alla responsabilità personale ed ha detto che solamente mettendo insieme l’intelligenza, il valore, l’inventiva e il lavoro di tutti la nazione potrà uscire dalla crisi e progredire verso il futuro. Ha detto che il governo farà la sua parte ma ha invitato gli Americani a credere nella possibilità di rinascita. Ha ricordato che è giunto il momento del cambiamento e che l’America è pronta a coglierlo.



Ha ricordato che l’America ha vinto tante sfide quali quella del fascismo e del comunismo e che ora ne ha un’altra da vincere, non facile e non a breve termine; si è rivolto ai capi musulmani invitandoli a fare qualcosa di costruttivo per i loro popoli, perché è per questo che saranno ricordati dalla storia e non per ciò che distruggeranno.

Ha sottolineato che l’America sarà al fianco di ogni uomo, donna o bambino che vorrà la pace ma che sarò pronta a distruggere i suoi nemici sia interni che esterni.

Ha detto che l’America d’ora in poi non potrà più dimenticare chi sta male e dovrà farsi carico ed attuare politiche più giuste ed eque.
Ha evidenziato il fatto che nell’ultimo anno a causa dell’irresponsabilità di alcuni, molti hanno perso casa, lavoro e sicurezze e per questo ha richiamato ogni cittadino a fare la propria parte confidando nel fatto che le potenzialità ci sono e ci potrà essere la rinascita.

Ha ringraziato tutti i presidenti che hanno fatto la loro parte per la nazione ed ha ricordato tutti i 44 giuramenti.


Un momento molto toccante è stato quando ha ricordato che solamente 60 anni un “nero” non avrebbe neppure potuto sedere in un ristorante di Washington ed ora un “nero” stava giurando da presidente e quindi ha richiamato tutti a vedere i grandi passi che la nazione ha fatto.


Infine, Obama e la sua first lady Michelle hanno accompagnato Laura e George Bush all’elicottero presidenziale che li ha portati via dalla Casa Bianca.



Tema natale del giuramento

Il tema del giuramento registra ben 5 pianeti in Acquario in casa decima con un ascendente Toro. Saturno è importantissimo in questo tema in quanto si trova in Vergine e fa opposizione a Urano e Venere in Pesci, quinconce a Nettuno e Chirone, trigono all’ascendente e trigono a Marte in nona; Plutone è in ottava e appoggia Mercurio, Sole e Giove con tre semisestili.


La Luna si trova in settima casa ed è in sestile con Mercurio, Sole e Giove ma quadra Nettuno in decima.

Nell’insieme il tema ha grande forza tuttavia vi sono alcuni punti che sono delicati:

primo fra tutti il momento in cui Saturno arriverà all’opposizione perfetta di Urano (agosto prossimo): potrebbe essere una fase difficile della diplomazia internazionale, una sorta di culmine di tensioni che il tema mostra potenzialmente. A febbraio ci sarà invece Urano in opposizione precisa a Saturno.

A marzo 2011 Nettuno quadrerà perfettamente la Luna e la ritoccherà nel gennaio 2012. Quelli sono punti difficili a cui, naturalmente se ne aggiungeranno altri che riguarderanno il transito di Urano che, entrando in Ariete quadrerà Plutone in ottava casa.



Altra segnatura particolare è quella Luna in Scorpione in settima casa che indubbiamente ha molto a che fare con la sua popolarità e con il fatto che lui ha toccato in maniera profonda anche corde emozionali che potrebbero risultare però precarie e cadere se la situazione economica non verrà arginata e il grande sogno americano che lui ha rievocato nel discorso inaugurale non potrà rinnovarsi.



Forse è un grande giorno per tutti noi che gli auguriamo di vincere le sfide ha di fronte.




 
07/01/2009
STRANEZZE DI OGGI: QUANDO IL VIRTUALE FA MALE REALMENTE



Il titolo è scelto ad hoc e non vuole essere ironico; non solo, ma non stiamo neppure parlando del fatto che stare tante ore davanti a computers o play station varie possa creare grandi difficoltà da un punto di vista psicologico fino a creare vere e proprie dipendenze.
Ciò di cui voglio parlare oggi è qualcosa di molto più “inconsueto” ed ha a che vedere con la nuova consolle della Nintendo – quella che si chiama Wii – che ha già rivoluzionato il mondo dei videogames in quanto non è più solamente un gioco per quei ragazzi figli del web che hanno riflessi esagerati ed una grande manualità che li rende abilissimi con i “joystick” bensì si tratta di qualcosa di diverso che riunisce piccoli e grandi, giovani e anziani in quanto, tra le varie attività che presenta, permette anche di fare attività vere e proprie e del vero e proprio sport.




Esattamente così, con questo apparecchio chiunque può fare movimento reale stando nel salotto di casa sua e può scegliere se fare yoga, se giocare a tennis, se fare del semplice allenamento muscolare, oppure cose molto più impegnative.

Detto così sembrerebbe tutto normale in quanto, già da tempo sono in vendita giochi da tennis, simulazioni aeree o automobilistiche, oppure veri e propri rompicapo che richiedono grandi riflessi ed abilità manuali che hanno solo i giovanissimi, ma non è di questo parliamo perché questo apparecchio permette invece di giocare “realmente a tennis” ed è questa la novità in quanto noi siamo abituati a giocare con il “virtuale”, mentre in questo caso, virtuale e reale si uniscono fino ad essere indistinguibili.



Infatti, per giocare al Nintendo Wii bisogna fare le esatte mosse, con la stessa forza e le stesse strategie che si farebbero su un campo di tennis reale e questo fa comprendere bene il perché, negli ultimi tempi, già parecchie persone sono finite al pronto soccorso perché si sono fatte delle distorsioni autentiche o delle fratture che, a tutti gli effetti, hanno richiesto pronto soccorso, ingessature e riposo.



Infatti, il suo sistema di gioco è a dir poco diabolico e crea un legame indissolubile tra il mondo virtuale e la realtà oggettiva.
L’allarme è arrivato dall’Inghilterra e le cartelle cliniche sono testimoni di tantissime infiammazioni, fratture, lussazioni delle spalle, delle ginocchia e/o dei polsi, come se avessero realmente giocato una partita a tennis sulla terra rossa all’aperto.



Chiaramente i costruttori respingono queste accuse e sottolineano che tutto deriva da un uso scorretto dell’apparecchio e quindi consigliano a chi possiede una di queste consolle di leggere bene le istruzioni e di non procedere con il solito “fai da te”.



Noi, cultori del simbolo, non possiamo non cogliere il messaggio che si rivela estremamente interessante; poco importa se non siamo in un campo da tennis o in una palestra o se stiamo semplicemente facendo qualche gesto con il braccio fasciato dai laccetti che contengono i sensori che richiedono di agire come se la partita fosse vera, giacchè, se la nostra psiche si mette in testa e crede che stiamo giocando a tennis realmente, anche le fratture saranno autentiche.
La cosa più sconvolgente è che virtuale e reale per la nostra mente sono pressochè identici: già si era visto questo effetto con l’ipnosi; infatti se diamo un imput postipnotico e la nostra mente lo ritiene autentico si comporterà dando vita agli stessi risultati che accadrebbero nel mondo oggettivo.



La presenza di Nettuno in Acquario e di Urano in Pesci potranno portarci a ben altre sovrapposizioni tra virtuale e reale che, senza dubbio, potrebbero essere ben più dannose di una lussazione o distorsione.

Occorrerà essere molto svegli e non confonderci.


 
30/01/2008
BUON ANNO A TUTTI


CARI NAVIGATORI,



AUGURO A TUTTI UN BUON INIZIO DEL 2009.
CHIEDO AD OGNI PERSONA CHE PASSA E CHE LEGGE QUESTE RIGHE DI FERMARSI UN ATTIMO,GIUSTO IL TEMPO PER FORMULARE UN PENSIERO ACCOMPAGNATO DA UNA INTENZIONE FINALIZZATA A QUALCOSA CHE DESIDERA FORTEMENTE DENTRO DI SE.



SCRIVA POI QUESTA INTENZIONE SU UN FOGLIO E LA RIPONGA IN UN LUOGO SEGRETO DELLA CASA. A MEZZONOTTE IN PUNTO, ACCENDA UNA CANDELA PENSANDO A CIO' CHE HA RICHIESTO AL 2009.




SPERO CHE TUTTI POSSANO ESSERE SERENI E CHE IL NUOVO ANNO CI AIUTI A MANTENERE LE PROMESSE E A REALIZZARE I DESIDERI.




BUON ANNOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

DA LIDIA FASSIO
 
02/12/2008
LE NUOVE MEDEE



Cari amici,

il mito di Medea è sempre più attuale ed è ormai consuetudine aprire il giornale e trovare la notizia di una madre che ha ucciso la figlia.

Anche ieri è successo nella periferia di Catanzaro; una giovane donna di soli 20 anni ha scaraventato a terra la sua bambina di soli 15 giorni e l’ha uccisa in un attimo di estrema disperazione e, forse, di esaurimento totale e di perdita di sè.

La tragedia è grandissima e non si può non sentire il dolore per la morte di una creatura che si era appena affacciata al mondo, tuttavia vorrei analizzare il problema da un punto di vista psicologico e, per questo, vorrei approfittare del mito che, come sempre, si rivela una traccia preziosa nel comprendere certe difficoltà che tutte le donne, dalla storia dell’umanità ad oggi, si sono trovate ad affrontare.



In effetti, aspettare un figlio non per tutte le donne rappresenta una fase meravigliosa della vita; non tutte hanno la fortuna di avere una situazione psicologica tranquilla, una vita affettiva gratificante ed una stabilità emotiva interna che possa aiutare a vivere la maternità come un fatto in sé unico, al di là di quello che c’è all’esterno: noi che ci possiamo avvalere dell’ausilio dell’Astrologia e del simbolo, sappiamo che la Luna – fondamentale nella fase di maternità – ha in sé stessa la potenzialità di dar vita, di accogliere e di nutrire nonché di far entrare la donna dentro a quello stato d’animo del “creare e sostenere” che deve nutrirsi della sensazione di essere “una in sé stessa” tipica delle Lune Vergini del mito che, psicologicamente, erano del tutto indipendenti dalla relazione e dalla situazione ambientale e che, pertanto, vivevano la condizione di maternità come un fatto che riguardava sé stesse e non la relazione o i compagni.



Tutto questo però comporta l’aver vissuto la propria personale Luna come una vera risorsa interna; significa essere state nutrite ed accolte a suo tempo e aver potuto godere di quella sensazione di radicamento, di accudimento e di attaccamento – tipici delle Dee lunari che si esprimono nei simboli di Proserpina, Venere e Luna – che possono regalare alla donna la sensazione interna di completezza che si rinnova nell’atto dell’essere madre, prima di sé stesse e poi delle proprie creature.

La ragazza in questione aveva perso entrambi i genitori da piccola e, quasi certamente non aveva avuto quelle attenzioni che le avrebbero consentito di superare questo dramma, che, di conseguenza è rimasto sedimentato sotto forma di un “lutto da rivivere”.

Il giornale riferisce che non riusciva a dormire, che prendeva psicofarmaci e che litigava sempre con il suo compagno, un ragazzo di 23 anni; forse, entrambi erano già troppo delusi dalla vita per poter vivere e godere della meraviglia della stessa che si rinnova e così, troppo provati dalle difficoltà non sono stati di aiuto l’un l’altro nel sostenersi e nel sostenere questa fase difficile in cui la piccola, che rifletteva lo stato d’animo materno, non smetteva di piangere per il disagio suo e della famiglia.



Voglio ricordare che Medea - la donna che nel mito uccide i figli per punire il marito Giasone - si trova in una situazione molto simile a quella della ragazza di Catania e forse, di molte altre ragazze che agiscono in questo modo assurdo: Medea lascia la famiglia perché si innamora dell’ eroe di turno e dà tutta sé stessa a questo uomo (tipico del desiderio di fusione lunare) al punto da sacrificare le sue origini e il suo stesso sangue per seguire il suo innamorato. Lei è anche l’artefice dell’eroismo di Giasone: il vello d’oro infatti, viene conquistato solamente con il suo preziosissimo aiuto. Però tutto questo non basta – Medea si è illusa che, dato il suo sacrificio, avrà in cambio l’amore totale e la dedizione di lui; lei è vissuta per lui, ha fatto progetti che coinvolgevano lui e si è annullata in lui e per lui; molte donne compiono lo stesso errore – soprattutto quando sono molto giovani – e credono che la vita inizierà nel momento in cui troveranno un uomo e, così pensando, non lavorano sulla loro femminilità, sul loro stato d’animo interno e non risanano le vecchie ferite ma si attendono che sarà lui a risanarle in virtù dell’ amore che gli danno e che si presenta sempre come ideale e totalizzante.


Sicuramente anche la nostra ragazza avrà pensato che l’amore per il suo uomo avrebbe risanato il suo dolore e il suo cuore squarciato in così tenera età non sapendo invece che nessun uomo e nessun altro al mondo può guarire ferite personali che solo noi possiamo cauterizzare con l’amore, il valore e la compassione per noi stesse.
Dopo aver messo al mondo un figlio si presentano momenti molto difficili per una donna, a maggior ragione se si tratta di una donna ferita e “sola” dentro; essa si trova in una fase di grande insicurezza, di grande “depressione” interna ed è così vulnerabile dal punto di vista emotivo che si aspetta che sia il suo compagno a sostenerla e a starle vicino dandole quella forza che non sa trovare in sé stessa.

Qui intervengono spesso pensieri molto dolorosi e tristi e la delusione si affaccia se non trova quell’amore che si aspetta da fuori. E’ qui che la Luna si fa spazio se si è stati davvero nutriti e accolti a suo tempo e risana attraverso l’amore; ma è anche in questo momento che non si trova nulla se questo amore non c’è perché non è mai stato messo perché, a quel punto, si è a credito dalla vita.



Medea è sicuramente un’assassina ma vorrei sottolineare il fatto che qualcuno ha assassinato il suo cuore e che, anche se in modo brutale e tragico, questo ha innescato la tragedia.

Medea viene tradita da Giasone proprio laddove lei aveva riposto i suoi sogni, laddove lei aveva erroneamente investito di più e quindi, a quel punto, lei come molte altre donne non riesce a fare il passaggio più grande che la vita chiede: salvare la sua creazione, perché è “sua” ed è la testimonianza che la vita si sta presentando con i suoi doni e i suoi frutti.

A volte manca questa maturità ed allora ecco che l’incubo ritorna sostenuto dalla rabbia e dal dolore che rendono la donna cieca e al tempo stesso potentemente assassina prima di tutto di sé (poiché è sempre una parte di sé che si uccide).
L’uccisione del figlio in quel caso non è un atto contro il bambino ma un assurda vendetta verso sé stessa e verso l’uomo che non è in grado di cogliere il suo sacrificio e che, di conseguenza, viene punito distruggendo il suo seme, in modo che lui non possa avere in dono quello che la donna ha partorito.

Sembra assurdo tutto ciò ma spesso, dietro a queste donne c’è una Luna Plutone che porta dentro di sé tutte queste contraddizioni che, in determinate situazioni di dolore e di perdita, possono esplodere.



Quello che voglio dire è che Medea è sola perché è stata lasciata sola: come mai nessuno ha visto il suo dolore? Perché chi le vive accanto non è in grado di cogliere e di accogliere i suoi turbamenti?
Il nostro è un mondo frettoloso, dove tutto deve essere smaltito in fretta e quindi, proprio per questo spesso ci regala “mostri”.

Però, ognuno di noi è mostro nel momento in cui non vede, non capisce e non sostiene e nel momento in cui permette – anche con la non compassione – che Medea continui ad uccidere.






 
24/11/2008
TWILIGHT: LA VAMPIROMANIA
Da oggi nel mondo è scoppiata la vampiromania; l’uscita del film “Twilight” sta facendo letteralmente impazzire le ragazzine americane che si sono messe in coda per assicurarsi di vedere in assoluto “la prima” che verrà trasmessa per 24 ore senza alcuna interruzione per non deludere chi sta aspettando.

Non è però solo un fenomeno americano in quanto il film uscirà domani in molte città europee dove si sta verificando un fenomeno analogo, una vera e propria follia collettiva chiamata la “febbre da vampiro”. Le ragazze intervistate sperano di incontrare un “vampiro”, un essere un po’ diverso dal solito!!!

In effetti, il film su vampiro, non ha niente a che fare con i tanti precedenti che facevano paura e orrore, ma viene visto come una vera follia d’amore per il vampiro, un amore che scoppia tra una ragazza normale con una famiglia tranquilla ed un essere particolare; in effetti l’eroina del film, la bella diciassettenne Kristen Steward ama ed è ricambiata dal suo eroe che, manco a dirlo, è un vampiro che ha 108 anni ma che, nel film è interpretato dal superfigo Robert Pattinson che ha occhi pungenti e cangianti – come solo i vampiri possono avere – ed il solito pallore che accomuna le creature della notte. Nel caso però lui è innamorato e non la vuole “mordere” e si nutre di sangue animale. E’ un vampiro sui generis infatti non teme il giorno, non gli spuntano i canini ed è così romantico da suonare il pianoforte.


Nel film c’è però un altro vampiro pericoloso anch’esso interessato alla ragazza: si chiama James e, manco a dirlo, vuole succhiare il sangue della ragazza a tutti i costi. Chiaramente il nostro vampiro eroe deve salvare la sua bella dal cattivo con i denti aguzzi.


In ogni caso, è interessante il fatto che da un po’ di tempo i vampiri imperversano: la prima è stata la serie di telefilm di Buffy un’adolescente che frequenta un liceo di vampiri che ebbe così successo da fare ben 7 stagioni.


Insomma anche le abitudini cambiano e, adesso che Plutone entra in Capricorno, chissà che qualche vampiro non giri pure da noi. Le ragazze si sa hanno voglia di trasgressione e di stranezze, ma questa follia per il vampiro sembra accompagnare il desiderio di “straordinarietà”; forse le ragazzine di oggi, stanche ormai di fare sesso con i loro coetanei, sognano qualcosa di struggente e di sconvolgente ma soprattutto di “vampiresco”.

Tempi duri anche per i vampiri che, innamorati, si trasformano in esseri carini e sensibili.. ma, a quel punto, bisognerà vedere se saranno ancora così appetibili, pardon… mordibili dalle ragazzine terribili!!!

Il passaggio di Nettuno in Capricorno ci aveva portato gli anfibi, le giacche militaresche con le spalle imbottite.. Ora, il grande signore degli Inferi in questo segno ci sta portando l'amore per le creature della notte!!!

Eppure anche questa è moda.

 
05/11/2008
IL CORAGGIO DELL'AMERICA: OBAMA PRESIDENTE




L’America ha eletto questa notte il suo Presidente e lo ha fatto in modo forte, preciso, senza dar adito a dubbi (anche i così detti swing states hanno dato a lui la piena preferenza mettendogli nelle mani un mandato forte ed impegnativo). Chi temeva che gli americani non avrebbero mai eletto un Presidente nero si è dunque sbagliato di grosso perché ancora una volta il paese dalle mille contraddizioni ha dimostrato di avere un’anima democratica così forte e strutturata da affrontare una svolta storica ed epocale; e non si può neppure pensare che siano stati solamente i voti dei neri a fare la differenza: Obama è stato eletto soprattutto dalle donne, dai bianchi e, cosa interessante, anche da molti repubblicani stanchi di una politica che ha pensato sempre più al fuori che al dentro.



Così, Barack Obama già intorno alle 3,OO del mattino italiane andava consolidando la sua vittoria risultando vincente anche negli stati da sempre roccaforte repubblicana.

Indubbiamente eleggere un presidente afro americano è un passaggio importante che dà un segnale forte a tutto il mondo: “cambiare si può” e quel che è certo è che l’America vuole cambiare modo di vivere il suo “quotidiano” e ciò che risulta evidente è che in questo preciso momento storico forse non è tanto la sicurezza in campo di politica estera ad avere spinto questo voto ma un nuovo ed imprescindibile bisogno di avere maggiori “certezze sociali” e qualcuno che possa garantire che non ci siano più scandali quali quelli degli ultimi due mesi in fatto di economia. Come a dire che l’America ha bocciato una certa disinvoltura e un modo di pensare troppo “liberista”.



La campagna elettorale di Obama è stata interamente incentrata su questi grandi temi e sicuramente in questo è stata la sua lenta costruzione.



Obama è Leone con il Sole in sesta casa quadrato a Nettuno in nona e Venere in Cancro trigono allo stesso pianeta e si è comportato da vero leader (leonino) nel senso che è riuscito a mettersi a capo e ad ispirare gli altri e a dar loro qualcosa in cui credere: così, centinaia di migliaia di giovani soprattutto, hanno lavorato gratis alla sua campagna elettorale; lui stesso ha spesso parlato spesso di “servizio” ed anche in questo lui può attirare le proiezioni di chi vede nella politica il senso della “missione” nonché quello di “salvatore della patria” più nettuniana.
Certo, lui ha anche un Plutone in VIIa quadrato alla Luna e questa segnatura può aver attratto le proiezioni delle persone più fragili che possono vedere in lui chi potrà renderli protagonisti della loro vita anche se, lo stesso, potrebbe poi rivelarsi un dramma nella lotta con chi incarna altri "poteri".

In ogni caso, le sue segnature astrologiche ci inducono a pensare che lui sia empatico e particolarmente incline ad incarnare certi ruoli ma anche così sensibile da aver avvertito fortemente le insicurezze e le paure degli americani trovando quindi le risposte sia razionali che emotive che tutti hanno sentito vere.

Il compito per lui non sarà facile e sicuramente le sfide che lo aspettano sono veramente dietro l’angolo: già il prossimo anno con l’ingresso di Giove in Acquario opposto al Sole in sesta la sua popolarità potrebbe diminuire di molto e portare già ventate di disillusioni; in ogni caso potrà sempre contare per un po’ sul sostegno di Saturno che stimolerà il suo Marte in Vergine per metà del 2009.

Preoccupante è il transito di Plutone in opposizione alla sua Venere in Cancro che, va perfezionandosi giorno dopo giorno con l’ingresso del pianeta in Capricorno che fa pensare ad una caduta di consensi che arriveranno se aumenterà le tasse, cosa che sarà inevitabile se vorrà dare alcune garanzie sociali a tutti.

Sicuramente non credo che neppure lui pensi che tutto sarà rose e fiori e che tutti saranno contenti ed accoglieranno con facilità quella che oggi viene vista come un’ ondata di novità: lui dovrà guadagnarsi sul campo ciò che adesso ha conquistato con il voto e il vero compito (quello indicato da Saturno su Marte) inizierà con l’insediamento di gennaio alla Casa Bianca e, saranno proprio quelli che lo hanno votato sotto la spinta dello spauracchio della povertà e dell’incertezza mossi dall’illusione che la situazione economica possa risollevarsi con immediatezza che potranno diventare i suoi peggiori nemici pronti a buttargli la croce addosso nel momento in cui le complicazioni dovessero continuare più a lungo del pensato.



Per ora sono tutti con lui e questo è importante e lui rappresenta un nuovo “sogno americano”.



Barack Obama nato ad Honolulu il 4 agosto del 1961 alle ore 19,24 (Sole in Leone, ascendente in Acquario e Luna al grado O° di Gemelli).


 
21/10/2008
CURIOSITÀ ASTROLOGICA SUL CORRIERE DELLA SERA




Sei Scorpione? Guadagni bene!
Un sondaggio ha permesso di identificare corrispondenze tra segno zodiacale e successo lavorativo.




Un sondaggio fra lavoratori americani ha permesso di stabilire delle relazioni statistiche fra professione e appartenenza ai diversi segni zodiacali.

Se credete negli oroscopi e nelle corrispondenze tra zodiaco e personalità, se almeno una volta nella vita siete stati tentati di farvi leggere il futuro da una cartomante per sapere cosa vi riserva la vita, allora vi incuriosiranno di sicuro i risultati di un sondaggio realizzato da CareerBuilding al fine di delineare il profilo dei lavoratori in base ai segni zodiacali.


IL SONDAGGIO


L'analisi, condotta su 8.700 cittadini statunitensi impiegati in vari settori, ha permesso di identificare i segni che più facilmente fanno carriera, il tipo di occupazione che si addice maggiormente a ciascuno, gli ambiti lavorativi che più di altri consentono di avere successo e, perché no, anche a quale stipendio è possibile ambire a seconda che si sia un Gemelli o un Sagittario, per esempio.


COSA DICONO GLI ASTRI


Come riportato da Cnn, dalla ricerca di Career Building è emerso che a guadagnare di più (oltre i 100 mila dollari all'anno) sono gli Scorpioni, i Leoni, i Toro e i Cancro. Mentre Acquario e Capricorno, con un reddito medio di 35 mila dollari all'anno, stanno in fondo alla classifica dei segni di successo. I più soddisfatti di quel che fanno sono Pesci, Capricorno e Sagittario, mentre gli scontenti per eccellenza sono Gemelli e Cancro. I più portati per ruoli di comando sono i Leone, adatti praticamente a impieghi di qualunque genere; i più «umani» ci sono i Pesci, cui si consiglia di lavorare nel campo della sanità e dell'assistenza sociale; i meno costanti sono (nemmeno a dirlo) i Gemelli, che necessitano di professioni mai noiose che consentano di reinventare il proprio impiego ogni giorno; tra i curiosi spiccano poi gli Scorpione, perfetti per il mondo dell'investigazione, la scienza e la politica. Nessuno consiglio, purtroppo, su come fare a trovare un lavoro sicuro…



______________________________________________________________

Questo articolo è tratto dal Corriere della Sera del giorno 21 ottobre 2008. Lo riporto perché, per la prima volta, anche se su base statistica, viene riportato da un quotidiano un articolo che sottolinea la validità dell’astrologia.


 
15/10/2008
PIETRO MASO ENTRA IN REGIME DI SEMILIBERTÀ




Diciassette anni fa, nella notte tra il 17 e il 18 aprile del 1991 veniva commesso uno dei delitti più efferati, destinati a sconvolgere le coscienze degli italiani; un ragazzo di 20 anni in Veneto uccideva nella notte i due genitori, massacrandoli a colpi di spranga con la finalità di poter ottenere subito l’eredità. Quello che suscitò reazioni fortissime fu l’assoluta indifferenza che il ragazzo mostrava negli interrogatori, come se stesse raccontando qualcosa di molto distante da lui.



Stiamo parlando di Pietro Maso, un bel ragazzo, dall’aria tenera e dolce, sicuramente con un tratto da “bel tenebroso” che si comportò come un criminale incallito e con un distacco degno dei peggiori mostri della storia.

Oggi i giornali segnalano che inizia per lui il regime di “semilibertà”, ovvero, dopo aver scontato solamente 17 dei 30 anni che gli sono stati inflitti, potrà uscire di prigione per lavorare all’esterno.

“Gentilezza, sorriso ed eleganza” sono gli aggettivi che vengono usati per descriverlo; in carcere si è comportato come un detenuto modello e, sembrerebbe che abbia anche cercato di dissuadere i ragazzi che gli scrivevano pronti ad emularlo esaltando il suo gesto folle.


Pietro Maso è un Cancro, con una Venere nello stesso segno ed una Luna in Toro. Il suo Sole è molto sostenuto.. ha un quinconce con Marte, due trigoni, uno con Giove e l’altro con Nettuno il tutto accompagnato da un sestile con Plutone.

Indubbiamente ci sono in lui molti ingredienti tra i quali forza, determinazione, potenza e fiducia nelle sue azioni anche se il tutto sembra essere un po’ trasfigurato da quella combinazione Giove Nettuno che sicuramente lo hanno fatto vivere “lontano dalla realtà” e, forse, non in grado di distinguere veramente bene tra realtà ed immaginazione, tra azioni fantasticate ed azioni realizzate.



I pianeti affettivi sono invece molto in difficoltà: la Venere in Cancro rivela un enorme bisogno di affetto e di sostegno ed una natura sensibile e fantasiosa che avrebbe avuto bisogno di trovare un ambiente adeguato; forse Pietro avrebbe dovuto essere accompagnato fin da piccolo a utilizzare le sue qualità artistiche (ce ne sono tantissime nel suo tema) e, magari ad esprimere la sua malinconia e la sua tristezza di fondo; indubbiamente, le due quadrature con Chirone e con Urano parlano entrambe di grandissime ferite narcisistiche che hanno toccato l’animo di Pietro fino a scollegarsi dai suoi sentimenti e dalle sue emozioni che, inizialmente dovevano essere fortissime e dolorose e proprio legate al suo essere nato in un ambiente forse troppo poco capace di comprendere la sua natura diversa ed estranea.. che, lentamente, si è estraniata fino a concepire cose folli. La Luna si trova in Toro, in perfetta quadratura a Mercurio e Marte, in trigono a Plutone e in opposizione a Giove e Nettuno e sappiamo bene che questi aspetti indicano sempre difficoltà ed anche violenze sul piano emozionale dovute a scarsa sensibilità e ad una incapacità di comprendere i suoi veri bisogni che, di conseguenza, restavano inappagati andando però ad accumulare rabbia e risentimento per nascondere i quali possono essersi inseriti meccanismi di difesa di rimozione ma anche di razionalizzazione.



Non ci sono certo giustificazioni per ciò che Pietro Maso ha fatto, ma, siccome noi non siamo giudici di nessuno, dobbiamo interessarci esclusivamente alla lettura del tema natale che, in ogni caso, rivela potenti difficoltà che, nel suo caso, forse non sono state minimamente percepite ed hanno sedimentato fino al punto da far scattare una vendetta terribile ancora più drammatica in quanto sicuramente il ragazzo si era completamente scisso dal lato emotivo ed affettivo (dal suo femminile in grado di fargli percepire valori e sentimenti) per utilizzare solamente la sua parte maschile che poteva essere distaccata e facile preda di pensieri terribili ma facilmente realizzabili con le sue potenzialità.



E’ interessante vedere i transiti di oggi di Pietro Maso.. che è nato a San Bonifacio il 17 luglio 1971; non conosco l’ora e quindi non ho calcolato l’ascendente.

Nettuno la fa da padrone: infatti sta esattamente in congiunzione a Marte natale che si trova a 21° gradi di Acquario in quadratura netta alla sua Luna che è intorno ai 20° di Toro. Praticamente Nettuno che alla nascita era opposto alla Luna e a Saturno, si trova ora a transitare su Marte riproponendo e rievocando una configurazione importantissima che, indubbiamente, aveva molto da dire in ciò che è accaduto 17 anni fa. Inoltre, anche se come gradi Mercurio non è più toccato, tuttavia non possiamo non prendere in considerazione l’intera configurazione Marte, Luna, Mercurio.. che oggi sono nuovamente interessati da questo pianeta.

Nettuno ci parla sempre di libertà.. e, per Pietro Maso oggi è sicuramente un giorno in cui non si può negare che questo “sostantivo” non abbia significato. Certo, Nettuno ci parla di un’altra libertà e, soprattutto della possibilità di poter dare un senso alla vita, trovando all’interno quei contenuti che, forse, a lui sono mancati un tempo.

Venere di transito sta esattamente su Giove natale, in trigono perfetto al suo Sole ed anche questo sembrerebbe mettere in luce un qualcosa di non previsto (del resto, anche i suoi avvocati non si aspettavano questa decisione); Marte si sta avvicinando a porre il trigono a Venere natale e Urano, anche se ora è in retrogradazione, ma si è già avvicinato ai gradi del suo Sole Cancro.

I transiti parlano di cambiamento, di grandi opportunità e del dissolvimento di una serie di problemi che erano presenti alla nascita. Noi glielo auguriamo di cuore così come gli auguriamo che trovi la sua strada e che riesca a convivere con ciò che ha fatto tirando fuori da sé quel potenziale che c’è e che potrebbe essere meraviglioso.






 
 
1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l 14 l 15 l 16
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010
 
Un buon libro da leggere
Un'allieva di ERIDANOSCHOOL ha scritto un libro di racconti astrologici.
Siamo felici di segnalarlo ai visitatori del nostro sito:

titolo: NULLA AL CASO : racconti astrologici

autrice: MARIA ELISABETTA LUCIANI

Per acquistarlo:
https://www.edizionilagru.com/catarsi/174--nulla-al-caso-9788899291457.html


SETTIMANA DI PRATICA PROFESSIONALE E INTERPRETAZIO
ERIDANOSCHOOL organizza per gli allievi una settimana di PRATICA PROFESSIONALE INTERPRETATIVA e TIROCINIO dal 23 al 28 di luglio (con ritrovo il 22) a MONTECATINI VAL DI CECINA - presso la FATTORIA BELVEDERE.>>>>>>>

OROSCOPO DEL MESE DI MAGGIO
carissimi amici, è stato inserito l'oroscopo di maggio. buona lettura a tutti.

CONFERENZA DI LIDIA FASSIO A MESTRE
Il giorno 9 marzo alle ore 20,30 presso l'hotel SIRIO di Via a Mestre, Lidia Fassio terrà una conferenza dal titolo: "I rapporti Marte, Nettuno, Luna". La conferenza è organizzata dal gruppo CIDA di Venezia.

Oroscopo del mese di marzo
E' stato inserito l'oroscopo del mese di marzo 2018. Buona lettura a tutti.

VICENZA - 23 MARZO 2018 - ore 17
Il 23 marzo alle ore 17 presso la biblioteca del Liceo Classico A. PIGAFETTA - Contrà Cordenons, 1 - per il ciclo "GIRO GIRO TONDO INTORNO ALL'ASTROLOGIA" si terrà una conferenza dal titolo "LA CONQUISTA DEL GRAAL PERSONALE. UN PERCORSO CIFRATO ISCRITTO NEL NOSTRO NOME".

Relatrice MARINA BUA - docente ERIDANOSCHOOL


TORINO - DAL 15 FEBBRAIO -
ASTRONOMIA E TECNICA PER ASTROLOGI

corso quindicinale -dal 15 di febbraio - dalle ore 20,00 alle ore 22. A ROBASSOMERO.

docente: Marina Bua per informazioni 338 5217099 - direzione@eridanoschool.it


OROSCOPO DI FEBBRAIO
E' stato inserito l'oroscopo di febbraio nella sezione "oroscopo del mese" - Buona lettura

OROSCOPO DELL'ANNO
cari amici, dopo aver inserito le anticipazioni per il 2018, oggi abbiamo inserito l'oroscopo dell'anno redatto da Lidia Fassio. Buona lettura e buon anno a tutti.

iNSERITO OROSCOPO DEL MESE
Oggi è stato inserito l'oroscopo del mese di gennaio 2018. buon anno a tutti che il 2018 porti serenità e pace e, ad ognuno, la realizzazione dei progetti in sviluppo.