giovedì 21 giugno 2018
Blog di Lidia Fassio
Contatti
Richiedi informazioni
Organizza un corso
Collabora con noi
Sondaggio
Lidia Fassio
I Docenti
Scuola d'Astrologia
Scuola Itinerante
Corso di formazione
Corsi Propedeutici
Corsi Esperienziali
Astrologia Karmica
Corsi Estivi/Eventi
Corsi Online
Seminari di Astrologia
Astrologia Evolutiva
Storia dell'Astrologia
Rubriche di Astrologia
Articoli di Astrologia
Astrologia Psicologia
A scuola di Astrologia
Astrologica
Astrologia Studi
Astrologia Libri
News di Astrologia
Good News
Oroscopo del giorno
Oroscopo del Mese
Oroscopo dell'anno
Segno del Mese
Tema Natale
Consulenza Astrologica
Counselling Astrologico
Blog di Lidia Fassio
Il Diario di S. Zagatti
Laboratorio dei sogni
Forum di Astrologia

CALCOLI ASTROLOGICI
     Tema Natale
     Tema di Coppia
     Transiti
     Transiti del giono
     Cielo del Giorno

MULTIMEDIA
     Video di Astrologia
     La TV di Eridanoschool

 

NEGOZIO ONLINE

IDEE REGALO
     Tema natale stampato

TEMA NATALE
     Bambino
     Sinastria
     Transiti
     Integrato
     Psicologico

OROSCOPI A TEMA
     Lavoro
     Partner Ideale
     Famiglia

CONSULTI TELEFONICI
     con Lidia Fassio

OROSCOPO KARMICO
     con Tiziana Ghirardini

DOMANDE/RISPOSTE
    Risposte Online

CORSI ONLINE
    Propedeutico

ALBATROS
    Rivista di Astrologia

SCUOLA ACCREDITATA
COUNSELOR OLISTICO
OPERATORE OLISTICO

CORSI
CALENDARIO CORSI
CONFERENZE
SEMINARI
CORSI 2018/2019
ANNO NUOVO
ULTIMO MINUTO
EVENTI

AREA RISERVATA
REGISTRATI AL SITO
FAI IL LOGIN
DIZIONARIO NOMI
PERSONAGGI FAMOSI
DIZIONARIO SIMBOLI
NATI OGGI
CIELO DEL MESE
Inserisci il tuo indirizzo Email e sarai informato sulle attività promosse da Eridano School.


 
 
ERIDANOSCHOOL - IL FATTO DEL GIORNO
 
"In questa sezione Lidia Fassio farà dei piccoli commenti su ciò che accade nel mondo; il tutto sarà commentato astrologicamente".
 
18/10/2011
IV CONGRESSO ERIDANOSCHOOL



21 – 22 E 23 OTTOBRE 2011 - HOTEL I GINEPRI - MARINA DI CASTAGNETO CARDUCCI




L’ENERGIA DI MARTE:



Enegia vitale, Aggressione, Affermazione, Difesa,
Sessualità e Forza. Tanti modi per esprimere, raffinare e
venire a patti con il Dio della guerra




venerdi' pomeriggio


ore 15,00 : Apertura lavori Congresso

ore 15,30 : Patrizia Dossi : La volontà: la nostra forza dimenticata

ore 16,00 : Manuela Fasoli: Discese pericolose

ore 16,30 : pausa caffè

ore 17,00 : Lelia Lombardi e Silvana Conti : Marte come aggressione: persone che non incontreremo mai in paradiso

ore 17,30 : Marco Valentini: A scuola con Bambi

ore 18,00 : Rosastella Giacumbo : Marte: sia fatta la mia volontà

ore 18,30 : Lorella Malavasi: Il coraggio e la paura



Sabato 22 ottobre mattino



ore 10,00: Lucia Denarosi: "Il cielo è dei violenti": un incontro con Marte attraverso la scrittura di Flannery O'Connor

ore 10,30: Tiziana Ghirardini: La retrogradazione di Marte: tendenze psicologiche e karmiche

ore 11,00 : pausa caffè

ore 11,30 : Clara Tozzi : L’ombra del guerriero

0re 12,00 : Susy Grossi : Il dissidio tra Marte e il Sole

ore 12,30 : tavola rotonda con il pubblico



Sabato pomeriggio



ore 15,00 : Francesca Piombo : Marte alchemico

ore 15,30 : Rosamaria Lentini: Armonia

ore 16,00 : Sandra Zagatti : Castelli di rabbia

ore 16,30 : pausa caffè

ore 17,00 : Angela Leonetti : Marte: esistenziale radicale

ore 17,30: Lidia Fassio e Giuliano Brandolin: Il potente impatto di Marte in psicosomatica

ore 18,30 : tavola rotonda con il pubblico



Domenica 23 ottobre mattino



ore 10,00 : Maria Teresa Mazzoni : Gandhi: un guerriero senza armi

ore 10,30 : Laura Pieretti : Marte: a volte l’energia maschilebloccata ha bisogno di una “terapia d’urto”

ore 11,00 : pausa caffè

ore 11,30 : Giovanni Pelosini: I carri di Marte

ore 12,00 : Marina Bua : Marte e arti marziali: la danza del guerriero

0re 12,30 : Manuela Ambrosini: Marte: se lo conosci…non lo eviti




Domenica pomeriggio



ore 15,30 : Tavola rotonda con il pubblico

ore 16,30 : chiusura lavori e saluti.




 
04/08/2011
L'INSOFFERENZA DEI MERCATI FINANZIARI



di Lidia Fassio



Come ipotizzato, l’estate si sta presentando veramente difficile oltre che calda! La situazione economica è a dir poco complessa per tutti i paesi occidentali che, come sappiamo, sono collegati all’andamento degli Stati Uniti che, in questo momento non stanno certamente bene in quanto hanno un debito pubblico, in parte finanziato dalla Cina e si trovano con un tasso di disoccupazione altissimo che sta mettendo in ginocchio il paese.



Barack Obama è riuscito a scongiurare, almeno temporaneamente, una sorta di fallimento chiedendo coscienza e responsabilità non solo al suo partito ma anche a quello repubblicano ottenendo un passo avanti al Congresso che permette al paese di tirare il fiato almeno per sei mesi.

I mercati non hanno però risposto positivamente come si pensava e le borse mondiali hanno registrato una forte perdita che, ovviamente, significa aver “bruciato” ingenti capitali in una sola giornata.



L’Europa da parte sua si trova in una situazione d’emergenza almeno in quattro paesi: la Grecia, la Spagna, il Portogallo e l’Irlanda che per ora sta sostenendo a prezzo di grandi sacrifici e di tagli che vengono apportati ovunque.



La situazione di certo riporta immediatamente ai transiti di questo periodo e non ci lascia certamente tranquilli giacchè, pur nella grande complessità che si evince dalla quadratura di Urano a Plutone sulla quale si inserisce Marte che entra oggi in Cancro e, dunque in quadratura a Urano e in opposizione a Plutone.




Per quanto riguarda più prettamente il discorso economico possiamo però contare sul trigono di Giove che, dal Toro, sta facendo un trigono a Plutone e che, pertanto, può alleggerire il carico, almeno temporaneamente, ovvero fino a marzo del prossimo anno, dopo di che abbandonerà i gradi di Plutone e percorrerà l’intero segno de Toro fino a giugno per entrare poi in Gemelli, segno che, come sappiamo si trova all’opposizione degli Stati Uniti che sono sotto il segno del Sagittario.







 
08/07/2011
LA TORRE DI BABELE



Di Lidia Fassio



Ci stiamo avvicinando alla quadratura tra Urano e Plutone e alcune cose stanno diventando particolarmente evidenti.

Intanto l’insofferenza e l’utilizzo di mezzi non proprio etici per ottenere ciò che si pensa sia un proprio diritto.

L’individualismo uraniano sta prendendo il sopravvento su ciò che, invece, dovrebbe rappresentare il collettivo. Ognuno sembra portatore di verità e non vi è modo di ragionare con chi la pensa diversamente.
Certo, Saturno in Bilancia lavora affinchè ognuno diventi più cosciente del proprio diritto ma non si può fare a mano di constatare che il diritto individuale stia superando di gran lunga quello collettivo che, a volte, richiede di fare un passo indietro per ottenere un bene maggiore, più grande, anche se passa attraverso qualche sacrificio personale.



In politica siamo giunti al “tutti contro tutti”, una sorta di bagarre pressochè quotidiana in cui è molto difficile riconosce “chi” e, soprattutto, comprendere le idee che si vogliono portare avanti. L’opportunismo sta prendendo il sopravvento sul buon senso al punto che ciò che andava bene ed era nel proprio programma di lavori può essere stravolto se in un determinato momento non conviene più.



Certo, è difficile orientarsi in una situazione come questa.. ma, forse, la combinazione di Plutone e Urano sembra portare tutto allo sfascio.. magari per poi riuscire a far rifiorire qualcosa di più puro e, soprattutto di più sano.

Per ora questo obiettivo è lontano e siamo ancora nella destrutturazione sperando che l’opera avvenga senza mettere in campo violenze e disordini che possono portare a crisi ancora peggiori.



Anche la forza di Nettuno è visibile ma, per ora, solo nelle sue accezioni negative: confusione, mistificazione, irrazionalità ed intolleranza tanto da far sembrare la situazione mondiale una vera Torre di Babele..
 
05/05/2011
LA MORTE DI OSAMA BIN LADEN



di Lidia Fassio




L’annuncio del presidente Obama della morte di Osama Bin Laden ha suscitato senza dubbio forti scossoni nella mente e nei cuori degli occidentali.

Certo, soprattutto gli Stati Uniti, non avevano ancora superato la paura e il terrore determinato dalla caduta delle Torri Gemelli avvenuta per gli attentati accreditati a quel personaggio.



Due riflessioni mi vengono d’acchito:

la prima riguarda l’essere umano Osama Bin Laden, ucciso barbaramente insieme a parte della sua famiglia e ai suoi uomini. In nessun caso si dovrebbe gioire per la morte di una persona anche quando questa ha causato dolore, impotenza, rabbia e rancore.

L’occidente si fregia di essere maggiormente evoluto e di essere “democratico” per cui, non solo non avrebbe dovuto trucidare quello che considera un nemico, ma, ancor meno gioire in modo così aperto e vigoroso di un blitz che sembra più ricordare “l’occhio per occhio” della Bibbia piuttosto che un atteggiamento più civile che poteva consistere nel suo arresto e in processo dignitoso.

In questa storia abbiamo mostrato più vendetta che compassione il che non ha nulla a che vedere con il lasciarlo libero nel momento in cui fosse stato individuato ma, sicuramente, avere per lui un atteggiamento “civile” da contrapporre alla barbarie a suo tempo consumata con l’attentato;




la seconda riflessione nasce appunto dal fatto che, di certo, questo atteggiamento non porterà a distensione tra i paesi del medio oriente e quelli occidentali in quanto, la rabbia nei nostri confronti sarà ancora più forte proprio per il modo in cui le cose sono andate e questo alimenterà gli animi di chi potrà trovare adesso un alibi per creare nuova discordia e nuovi attentati. Non sarà possibile in questo momento aprire delle trattative che possano portare ad una distensione e ad atteggiamenti di maggior rispetto reciproco e, questo di certo non lascia intravedere nulla di buono per il futuro.




Come sempre, ognuno è responsabile e deve farsi carico del suo modo di operare in quanto, comunque genererà delle conseguenze di cui saremo comunque responsabili. E’ un momento questo in cui le ombre personali sono molto grandi e questo non fa che alimentare l’ombra collettiva. L’odio non ha mai portato soluzioni mentre, la compassione e il perdono possono realmente aprire nuove vie.



E’ tempo di meditare su questo..









 
24/04/2011
BUONA PASQUA A TUTTI




Cari amici e frequentatori del sito,

auguro a tutti i migliori auguri di una Buona Pasqua.



Lidia Fassio
 
21/03/2011
IL GRANDE BOTTO DI URANO




di Lidia Fassio


Non c’è dubbio sul fatto che Urano si è manifestato subito e con i suoi significati più terribili. Proprio nel momento in cui stava entrando in Ariete c’è stato il terribile terremoto in Giappone che ha fatto all’incirca 16 mila vittime lasciando il paese in uno stato di devastazione e rovina con migliaia di senza tetto. La sua energia ha mostrato capacità travolgenti a cui si sono aggiunte quelle dell’acqua del mare che ha devastato con le imponenti onde, più del terremoto stesso. Forse, proprio per il fatto che stesse passando dal segno dei Pesci a quello dell’Ariete ha avuto capacità di movimentare sia la terra che l’acqua, aggiungendo alla devastazione del terremoto, la forza pressochè incontrastabile dell’acqua.


A questo si è aggiunta l’ansia per la centrale nucleare, ansia che sembrerebbe essere rientrata, almeno per ora giacchè, le ultime notizie, darebbero per spento il reattore che ha creato molti problemi rispetto all’eventualità di una fuoriuscita di materiale radioattivo. Senza dubbio i danni sono incalcolabili dal punto di vista materiale ma, ancora di più, sotto il profilo psicologico giacchè, per gli abitanti di quelle zone, non sarà facile ritornare alla normalità e, soprattutto, non sarà veloce.



Senza dubbio tutti gli astrologi si sono interrogati a lungo sugli effetti dell’ingresso di questo pianeta in un segno così potente ed infuocato e, infatti, passati alcuni giorni dal sisma più potente degli ultimi anni, Urano ha voluto mostrare il lato più rivoluzionario trovando un punto di collisione con l’esplosività dell’Ariete dando il via alla guerra con la Libia da parte dell’Europa.

Ovviamente, non possiamo pensare che la colpa sia da attribuire al pianeta ma, bensì, al modo poco ortodosso di dirigere le sue energie che altro non rappresentano che il bisogno di cambiamento e di una maggior libertà in tutti i campi della vita umana. Ancora una volta l’umanità si è dimostrata poco abile nel canalizzare le energie universali, facendosi così interprete dei suoi simboli meno eclatanti e, sicuramente, meno nobili.



Ci si aspettavano atti di totale impazienza ma, l’intempestività è stata invece totale e così, la vecchia Europa ha voluto mostrare la sua forza e, forse, anche la sua incongruenza, sferrando un attacco al dittatore libico senza neppure troppo pensare alle conseguenze che ci saranno a largo raggio.

E’ vero che in quel paese le cose si erano fatte difficili – come del resto in tutto il medio oriente - ma è pur vero che il dittatore per tantissimo tempo è stato ricevuto e coccolato da tutti i paesi democratici del mondo che, a suo tempo, non sottilizzavano troppo sui suoi sistemi poco ortodossi di governare purchè si potessero fare affari d’oro dato l’ingente patrimonio energetico di cui la Libia è detentrice.



La domanda sorge spontanea: se Gheddafi non detenesse i due terzi del petrolio al mondo e se i paesi occidentali non avessero grandissimi interessi in quel luogo, le cose sarebbero andate nello stesso modo?

Perché la grande e civile Europa continua a praticare il sistema di pesi e misure diverse a seconda dei paesi in cui ci sono dittature?


Vi lascio con queste domande senza mai perdere la speranza che le coscienze individuali si facciano più audaci e coraggiose spingendo chi governa a trovare sistemi diversi per sensibilizzare e stimolare i cambiamenti, senza sempre ricorrere alla guerra e alla forza.


Urano è il signore dell’Acquario segno che richiede che siano i singoli individui a mostrare la loro maturità facendo sentire la loro voce ed evitando di muoversi su onde emotive che tali non sono visto che, sotterraneamente, le motivazioni partono da interessi molto diversi da quelli evidenziati.
 
22/02/2011
SE NON ORA QUANDO?
di Laura Pieretti



MANIFESTAZIONE DEL 13 FEBBRAIO


E’ trascorsa una settimana dalla manifestazione organizzata dalle Donne in tutta Italia e nel mondo e ancora si sente l’eco di un’impresa sbalorditiva.

Io ero tra coloro, donne e uomini che hanno manifestato ed è stata una grande emozione vedere così tante persone che al richiamo di: “Se non ora quando”?

Hanno risposto con slancio e passione. Io e le mie amiche indossavamo fasce da Miss, su cui in fretta abbiamo scritto lo slogan: “Mobbastaaaa!” . Si, ora basta!

Chi era in piazza non manifestava contro qualcosa o qualcuno, ma voleva semplicemente testimoniare che esiste un’Italia diversa. Molti uomini hanno risposto all’appello e sono scesi al fianco delle donne per gridare che vogliamo un presente ed un futuro diverso. C’erano anche tantissimi bambini in piazza, colorati ed allegri nei loro vestiti di carnevale, come solo loro sanno essere. Loro sono il nostro prezioso futuro.

Possiamo essere favorevoli o contrari a questa espressione di insofferenza, ma dobbiamo riconoscere che il 13 febbraio è accaduto qualcosa di speciale, perché non era una manifestazione di scontro e di lotta, ma era una manifestazione fatta per mettere un punto e ricominciare daccapo. Questo vuol dire: basta!

Si respirava un’aria rilassata, ma decisa. Non c’erano cordoni di forze dell’ordine, perché si sa che le donne non inneggiano alla violenza, perché il tono di questa manifestazione è stato tenuto basso ma nello stesso tempo deciso dalle sagge organizzatrici. C’erano sorrisi e determinazione, c’era calda accoglienza ed ironia. Finalmente mi sono riconosciuta come donna nelle donne che erano lì con me.

Io spero che sia solo l’inizio, perché qualcosa al nostro interno si è risvegliato e il desiderio di essere più attive nella vita sociale l’ho sentito dentro ogni donna che ho incontrato in quella piazza. Credo che dalle donne possa venire veramente la svolta e mi auguro che questo sia l’inizio di un percorso ricco che ci porti a riscoprire ed esprimere i nostri veri valori.

I valori del femminile insieme ma non sovrapposti a quelli del maschile, perché la parità è corretta da un punto di vista filosofico, ma la diversità esiste ed è quella che può veramente arricchire ognuno di noi.


www.sheiscreative.com
 
26/01/2011
BOMBA ALL'EREOPORTO DI MOSCA

di Lidia Fassio




Giove ha appena fatto il suo ingresso in Ariete e, il giorno stesso, gli estremisti islamici ceceni, attraverso un kamikaze armato di tritolo, hanno fatto esplodere l'ordigno all’aeroporto di Domodedovo provocando 35 morti e un numero altissimo di feriti.

Le agenzie confermano che si è trattato di un solo uomo a procurare questo disastro, anche se permangono molti dubbi in quanto, altre fonti lascerebbero intendere che si è trattato di una coppia e quindi, anche di una donna.



Sicuramente la Russia si è mostrata molto vulnerabile anche se è molto difficile riuscire a prevenire questo tipo di attacchi. I servizi segreti, che erano stati allertati in occasione dello scoppio di una bomba in una casa vicina a Mosca che aveva destato sospetti, non sono tuttavia riusciti a sventare in anticipo l’attacco.



Senza dubbio, dal punto di vista astrologico non possiamo che verificare la problematicità di questo ingresso di Giove in Ariete che sarà seguito a marzo da quello di Urano che, senza dubbio, sarà di ben altra portata.



Purtroppo la situazione celeste è tale da non far pensare a cambiamenti tranquilli ma a difficoltà che andranno via via aumentando di intensità e, come è nella natura del segno dell’Ariete, a esplosioni di violenza che investiranno il mondo.

Tra l’altro, anche la situazione dei paesi arabi del Mediterraneo non è certo rassicurante con tutte le tensioni popolari tese a rovesciare governi dittatoriali o semi dittatoriali che sono in piedi da decenni.



Senza dubbio Plutone è il pianeta legato a questi popoli e, la sua presenza nel segno del Capricorno lascia intuire che i problemi non termineranno qui e noi non possiamo che sperare che il desiderio di pace possa avere il sopravvento su quello di destabilizzazione.

 
18/01/2010
FIAT E LAVORO


di Patrik Costamagna



Il referendum che ha coinvolto i lavoratori della FIAT, con tutte le vicissitudini che lo hanno preceduto, rappresenta l’ennesima vicenda che ha visto al centro dell’attenzione generale il mondo del lavoro rappresentato dalla Vergine-6^casa.



Urano sta ultimando il suo passaggio in Pesci in opposizione al sesto segno zodiacale. Un transito iniziato in concomitanza con l’approvazione della famosa legge Biagi, prima tappa di una serie di vicissitudini cha hanno apportato importanti “cambiamenti”, se non addirittura “rivoluzioni” in ambito lavorativo.



In questi anni sono infatti cambiate molte “regole”, il posto “fisso” è sempre più raro, la crisi ha colpito soprattutto “fabbriche, artigiani ed operai” e tutto questo ha generato sempre meno “sicurezze” e più “precarietà”.



Tornando alla FIAT e al referendum è interessante il fatto che Urano sia in congiunzione con Giove. Questo referendum è stato tra l’altro “caricato” di speranze per il futuro. E’ stato presentato come un’opportunità da cogliere, come una possibilità di crescita, espansione e miglioramento. Si è infatti parlato, in cambio di un adattamento alle richieste aziendali, di ampliamenti di produzione, di miglioramenti economici, di maggiori corsi di formazione… E’ stata chiesta ai lavoratori “fiducia”, fiducia nel futuro e fiducia nell’azienda.


Tutto “vero” o si è peccato di “ingenuità” ? Staremo a “vedere”…



 
24/12/2010
RIFLESSIONI NATALIZIE SULLA GRAZIA.
Ricevo da un caro amico e volentieri condivido:







1.La grazia è quella luce, quella bellezza, quella dolcezza, quella pace, che giunge nell’anima quando si è rinunciato a se stessi, ovvero si è abbandonata la volontà – il voler essere, voler avere, voler sapere – il legame all’“io” e al “mio”.



2.La grazia è quella mirabile forza che trasforma il finito nell’infinito, il relativo nell’assoluto – ovvero che dà ad ogni istante il carattere luminoso e gioioso dell’eterno, di un miracolo che ad ogni istante si ripete, tanto antico e sempre nuovo.
Mirabile forza, perché agisce senza forza, ovvero senza costrizione, senza violenza, con semplicità e dolcezza, come una luce che su tutto si effonde e pervade di sé chi la accoglie, trasformandolo nella luce stessa.



3.Gratia quia gratis datur: infatti la grazia è “senza perché”. Non giunge per qualche fine: non ha un fine estraneo e diverso dal suo essere stesso grazia, bellezza e dolcezza.

Giunge senza alcun merito, per così dire dall’esterno, non come frutto di uno sforzo di volontà personale.



4.La grazia viene dall’alto – ma non come qualcosa di estraneo, bensì come qualcosa di interiore, profondamente nostro – e non perché il nostro implichi una appropriazione, un possesso personale: anzi la grazia appare come l’universale, ove non è più l’“io” e il mio.

E viene non come una sensazione da provare, o un pensiero da pensare, ma come un nuovo essere, uno sguardo nuovo sul mondo, sulle cose, su se stesso e su Dio, e una nuova vita da vivere.



5.La grazia non è il dono arbitrario di un Dio capriccioso, la sua luce si effonde sempre e in ogni istante sulla creatura, che sempre e in ogni istante può accoglierla.


6.Gratia Dei: si dice “di Dio” perché non si può rinunciare al volere proprio altro che affidandosi a un altro volere, cedendo la volontà particolare all’universale. Questo affidamento, questa confidenza nel Bene al di sopra di ogni volizione egoistica, è la fede.

Non perciò una credenza, un complesso di rappresentazioni e opinioni, ma il contrario: un toglier via ogni credenza, rappresentazione, opinione, che sono frutto della volizione particolare.


7.La rinuncia al volere è possibile solo nell’amore: amore dell’Assoluto, dunque amore senza oggetto determinato – non passione, ma terminus et finis omnis passionis. Infatti esso è il distacco stesso: non v’è amore senza distacco, né distacco senza amore.



8.La grazia è il rapporto con un tu, lontano e vicino insieme, assolutamente altro e costituente l’intimo di te stesso, indeterminabile ma sommamente reale – qualcosa di indistinto, e perciò assolutamente distinto da tutte le cose distinte.

Un tu che non ha una forma determinata, ma pura luce e puro amore che tutto investe di se stesso, per cui non v’è che solo luce, solo amore. Esso va dal cuore del mortale verso l’eterno, e dall’eterno torna verso il mortale.



9.Il tu cui ci si affida deve essere impersonale, pura luce senza forma alcuna. Solo così si può abbandonare la volontà propria, si può dire fiat voluntas tua, perché altrimenti quella “sua” volontà non è altro che la nostra, più o meno camuffata – ed allora non v’è più affidamento alcuno, non v’è distacco.

Persona chiama persona, impersonale chiama impersonale. Perciò l’abbandono del volere non può essere a un Dio determinato in modo alcuno, perché la sua determinazione sta per un nuovo volere, per un legame all’egoità, ma solo al Deus sine modis.



10.Il rivolgersi al Deus sine modis fa uscire dal legame condizionante spazio-temporale, dalle cause seconde e dalle opinioni che da esse derivano, e pone in rapporto con l’eterno, con la causa prima, senza mediazione alcuna.

Allora v’è una straordinaria letizia: la gioia infinita della libertà, del non dipendere più da niente.



11.Quando si toglie il volere e ci si affida a Dio, immediatamente ci si libera dalla fatica, da quel pònos che è sempre poena: tutto diventa per così dire festivo, come se ogni giorno, ogni istante, fosse festa.



12.La grazia è libertà, perché solo quando si esaurisce la volontà personale e il pensiero parziale che la segue ha fine anche la servitù. Infatti la servitù vera è la servitù al volere proprio: è esso che ti incatena alle circostanze, condiziona il tuo pensiero e ti fa servo del mondo e delle cose, come un cancro che ti tormenta all’interno e non ti dà mai pace.



13.Quando si esaurisce la volontà personale, allora l’intelligenza diventa libera perché ormai universale, e così la volontà stessa. Essa si identifica allora con la volontà di Dio, che è sempre e comunque, e, parimenti, l’intelligenza diventa intelletto di Dio.



14.Finché v’è un volere proprio, il pensiero è al suo servizio: come vuoi, così pensi. Ma anche vuoi a seconda di quel che pensi: volontà e intelletto sono due facce della stessa medaglia. Così volontà e intelletto non sono liberi, ma servi, dipendendo dalle cose esterne e dalle opinioni che ci facciamo su di esse.

Quando c’è la volontà c’è un fine, e allora l’intelligenza dipende da quello; non è più libera, ma scrive, capace sì di ragionamento ma non di ragione.

È allora che, subito, sorge il pensiero del male e, con esso, il dolore; segno inequivocabile della menzogna.



15.Questo sappiamo di certo: che il proprio volere e il proprio pensare che lo segue sono frutto dell’amore di sé: amor sui, amor privati boni: questa e davvero radix omnis mali et peccati.

Pensieri e volizioni particolari sono cattivi proprio perché particolari, privati – e il privato è, appunto, privato, ovvero reso privo dell’universale, ridotto al parziale, e parziale significa infatti anche iniquo.



16.L’atto elementare di verità è il distacco dal proprio volere e dal proprio pensare, riconoscendolo come parziale, egoistico. A ciò si richiede solo l’onestà, ovvero l’amore di giustizia e, per quanto possa essere duro liberarsi del proprio volere fino a uccidere l’egoità, questa è un’ascesi assolutamente laica, una rettitudine del pensare e dell’essere che ogni uomo può e deve compiere, pena l’essere un falso, un ipocrita.



17.Chi non si vergogna del proprio falso sapere, dei propri falsi giudizi, chi resta inconfutato nella sua ignoranza, non si purifica dal più grande dei mali, che è la menzogna.

Wer tief denkt, chi pensa profondamente, sa di aver sempre torto, qualsiasi cosa pensi.



18.L’uomo onesto fugge sempre se stesso: questo è il distacco, che in ogni istante si ripropone, perché incessantemente torna l’amor sui. Però l’esperienza fa del distacco un habitus, e perciò si può parlare di una vita di grazia.



19.La grazia non si conquista, viene da Dio, però è con l’amore della verità, con l’amore della giustizia, del Bene, che si sgombra il campo della falsità, si fa vuoto nell’anima nostra. L’intelligenza e il volere stesso rifiutano ciò che è parziale, riconoscendolo come non giusto, iniquo,non vero.

Così spazzano via ogni contenuto, ogni opinione, ogni pensiero determinato e ogni preteso sapere, riconoscendolo nella sua vanità, nella sua pochezza, nella sua dipendenza dall’ego.



20.Il movimento dell’intelligenza verso la verità, verso il Bene – la fede che tutto rimuove – appare anche esso come dono di Dio, grazia.

Però, in quanto ognuno desidera il Bene, se non altro per la bellezza con cui esso si manifesta e soprattutto per la gioia che reca, si può anche dire che la fede è naturale nell’uomo.




Buon Natale di meditazione per tutti.

 
 
1 l 2 l 3 l 4 l 5 l 6 l 7 l 8 l 9 l 10 l 11 l 12 l 13 l 14 l 15 l 16
 
Per informazioni e prenotazioni:
Scrivi a info@eridanoschool.it
Telefona al numero 338/5217099 - P.IVA: 10220350010
 
Un buon libro da leggere
Un'allieva di ERIDANOSCHOOL ha scritto un libro di racconti astrologici.
Siamo felici di segnalarlo ai visitatori del nostro sito:

titolo: NULLA AL CASO : racconti astrologici

autrice: MARIA ELISABETTA LUCIANI

Per acquistarlo:
https://www.edizionilagru.com/catarsi/174--nulla-al-caso-9788899291457.html


SETTIMANA DI PRATICA PROFESSIONALE E INTERPRETAZIO
ERIDANOSCHOOL organizza per gli allievi una settimana di PRATICA PROFESSIONALE INTERPRETATIVA e TIROCINIO dal 23 al 28 di luglio (con ritrovo il 22) a MONTECATINI VAL DI CECINA - presso la FATTORIA BELVEDERE.>>>>>>>

OROSCOPO DEL MESE DI MAGGIO
carissimi amici, è stato inserito l'oroscopo di maggio. buona lettura a tutti.

CONFERENZA DI LIDIA FASSIO A MESTRE
Il giorno 9 marzo alle ore 20,30 presso l'hotel SIRIO di Via a Mestre, Lidia Fassio terrà una conferenza dal titolo: "I rapporti Marte, Nettuno, Luna". La conferenza è organizzata dal gruppo CIDA di Venezia.

Oroscopo del mese di marzo
E' stato inserito l'oroscopo del mese di marzo 2018. Buona lettura a tutti.

VICENZA - 23 MARZO 2018 - ore 17
Il 23 marzo alle ore 17 presso la biblioteca del Liceo Classico A. PIGAFETTA - Contrà Cordenons, 1 - per il ciclo "GIRO GIRO TONDO INTORNO ALL'ASTROLOGIA" si terrà una conferenza dal titolo "LA CONQUISTA DEL GRAAL PERSONALE. UN PERCORSO CIFRATO ISCRITTO NEL NOSTRO NOME".

Relatrice MARINA BUA - docente ERIDANOSCHOOL


TORINO - DAL 15 FEBBRAIO -
ASTRONOMIA E TECNICA PER ASTROLOGI

corso quindicinale -dal 15 di febbraio - dalle ore 20,00 alle ore 22. A ROBASSOMERO.

docente: Marina Bua per informazioni 338 5217099 - direzione@eridanoschool.it


OROSCOPO DI FEBBRAIO
E' stato inserito l'oroscopo di febbraio nella sezione "oroscopo del mese" - Buona lettura

OROSCOPO DELL'ANNO
cari amici, dopo aver inserito le anticipazioni per il 2018, oggi abbiamo inserito l'oroscopo dell'anno redatto da Lidia Fassio. Buona lettura e buon anno a tutti.

iNSERITO OROSCOPO DEL MESE
Oggi è stato inserito l'oroscopo del mese di gennaio 2018. buon anno a tutti che il 2018 porti serenità e pace e, ad ognuno, la realizzazione dei progetti in sviluppo.